Giornata Internazionale dei Migranti

Lavoratori migranti durante la crisi COVID-19

Giornata Internazionale dei Migranti

Lavoratori migranti durante la crisi COVID-19

In occasione della Giornata internazionale dei migranti, il 18 dicembre, prestiamo attenzione a come la pandemia COVID-19 abbia messo a dura prova i lavoratori migranti in tutto il mondo. Un recente rapporto dell'International Social Security Association (ISSA) e dell'International Labour Organization (ILO) ha delineato come i governi e le istituzioni di sicurezza sociale hanno compiuto sforzi per includere i lavoratori migranti nelle risposte di protezione sociale alla crisi.

Il L'ISSA ha fatto delle risposte della sicurezza sociale alla pandemia una delle sue principali priorità, collaborando con le istituzioni di sicurezza sociale per condividere e sviluppare approcci e buone pratiche nazionali e istituzionali. I lavoratori migranti sono particolarmente vulnerabili. Da un lato, la circolazione attraverso le frontiere influisce sull'accesso dei lavoratori migranti alla sicurezza sociale. D'altra parte, i lavoratori migranti sono sovrarappresentati nei lavori informali e precari. Quando una crisi come la pandemia COVID-19 colpisce la società e l'economia, sono quindi tra le prime a soffrirne.

Secondo l'ILO, circa 500 milioni di posti di lavoro equivalenti a tempo pieno sono stati persi entro la metà del 2020 e circa 2.2 miliardi di lavoratori, ovvero il 70% della forza lavoro globale, sono stati toccati da misure di blocco. Sapendo che 164 milioni di lavoratori migranti rappresentano il 4.7% della forza lavoro globale, una stima modesta indica che sono interessati più di 111 milioni di lavoratori migranti.

Il report della serie Spotlight Protezione sociale per i lavoratori migranti: una risposta necessaria alla crisi del Covid-19, pubblicato dall'ISSA e dall'ILO nel giugno 2020, delinea le sfide affrontate dai lavoratori migranti e il modo in cui i governi e le istituzioni di sicurezza sociale hanno affrontato la situazione. Il rapporto evidenzia l'impatto della perdita di posti di lavoro sulla copertura assicurativa sociale e sottolinea l'importanza di garantire la protezione sociale per tutti. Analizzando le risposte a breve termine, comprese quelle relative alla salute, al sostegno finanziario e alla sicurezza sul lavoro, il rapporto trae conclusioni per una prospettiva a più lungo termine su come migliorare la copertura della protezione sociale per i lavoratori migranti.

Perdita di posti di lavoro e protezione sociale

I migranti sono sovrarappresentati in molte occupazioni in prima linea, in particolare nell'assistenza sanitaria, nei servizi di pulizia e nell'agricoltura, dove sono maggiormente esposti al virus. Inoltre, le chiusure di attività commerciali e le restrizioni alla circolazione, combinate con la mancanza o il limitato accesso alla protezione sociale, hanno aumentato la vulnerabilità dei migranti.

L'impatto della crisi colpisce i migranti in modo diverso, a seconda del loro status migratorio e lavorativo. Di fronte alla disoccupazione, ai tagli salariali, alle sospensioni e al deterioramento delle condizioni di lavoro, i migranti regolari che svolgono lavori formali potrebbero avere accesso a tutti o ad alcuni benefici della protezione sociale, mentre gli altri hanno scarso o nessun sostegno. In particolare, la mancanza di accesso ai servizi sanitari può essere critica in una situazione come la pandemia COVID-19 non solo per il migrante e la sua famiglia, ma anche per la società nel suo insieme a causa del rischio di diffusione del virus.

Garantire una protezione sociale di base per tutti

In linea con gli obiettivi internazionali stabiliti, come gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, l'ISSA e l'ILO lavorano per la protezione sociale per tutti. Con il sostegno delle organizzazioni internazionali, regionali e della società civile, i governi e le istituzioni di sicurezza sociale hanno reagito per affrontare e mitigare l'impatto sociale ed economico della crisi. Alcune delle risposte includono la protezione sociale per i lavoratori migranti. Tutti i migranti, indipendentemente dal loro tipo di migrazione o status giuridico, hanno bisogno di accedere a una sorta di protezione sociale e, per fornirla, è necessaria la collaborazione dei paesi di origine, di transito e di destinazione allo stesso modo.

Gli accordi bilaterali e multilaterali per coordinare i regimi di sicurezza sociale tra i paesi sono fondamentali per garantire l'accesso alla protezione sociale per i lavoratori migranti. Per il caso particolare dei lavoratori frontalieri - lavoratori che vivono in uno stato e lavorano in un altro - e date le disposizioni obbligatorie in materia di telelavoro introdotte da molti paesi, diversi governi dell'Unione europea hanno deciso di adottare misure speciali per prevenire cambiamenti nel loro status di sicurezza sociale .

La crisi COVID-19 ha dimostrato il ruolo fondamentale della protezione sociale nell'affrontare le principali crisi sociali ed economiche e l'importanza cruciale di stabilire livelli di protezione sociale per tutti, compresi i lavoratori migranti. Oltre alla risposta immediata alla crisi, è necessario prestare rinnovata attenzione alla ratifica e all'attuazione delle norme internazionali pertinenti, come la Convenzioni e raccomandazioni ILO nel settore della protezione sociale e nella negoziazione di accordi di sicurezza sociale bilaterali, regionali e multilaterali. Inoltre, dovrebbero essere sviluppate strategie, politiche, quadri giuridici e sistemi amministrativi nazionali. Per sostenere lo sviluppo e l'attuazione di regimi di sicurezza sociale per i lavoratori migranti, il Linee guida ISSA sull'estensione della copertura sono il riferimento professionale internazionale riconosciuto.