COVID-19 e OSH: Report from the World Congress Digital Meeting

COVID-19 e OSH: Report from the World Congress Digital Meeting

I Incontro Digitale del Congresso Mondiale il 5-6 ottobre 2020, è stata l'occasione per riflettere sulla sicurezza e salute sul lavoro alla luce della pandemia COVID-19. I leader di pensiero di tutto il mondo hanno discusso delle innovazioni emergenti nell'affrontare il COVID-19 sul posto di lavoro, come il futuro del lavoro è stato plasmato dalla pandemia globale e l'importanza della promozione di una cultura della prevenzione. La sessione virtuale si è svolta come sessione digitale speciale del XXII Congresso mondiale sulla sicurezza e la salute sul lavoro a Toronto.

L'International Social Security Association (ISSA) ha organizzato e tenuto tre sessioni durante questo evento: (1) Vision Zero in Motion, (2) International Media Festival for Prevention e (3) Global Forum for Work Injury Insurance. Questo articolo riporta i risultati complessivi del World Congress Digital Meeting, nonché delle sessioni organizzate dall'ISSA.

Sfide e punti chiave del World Congress Digital Meeting

Durante COVID-19, le aziende hanno dovuto adattarsi ai nuovi standard di lavoro e all'introduzione di un nuovo modo di vivere. Milioni di persone hanno perso temporaneamente il lavoro, mentre per altri il formato del lavoro è cambiato. Gli aggiornamenti tecnologici hanno portato opportunità di lavoro più remote, ma anche una mancanza di contatto personale, provocando così problemi psicosociali. Le procedure di riconoscimento delle malattie professionali dovevano essere riformattate (specialmente nei casi di condizioni di lavoro non sicure COVID-19) al fine di fornire un'ampia protezione. Secondo la Convenzione sui benefici per infortuni sul lavoro dell'Organizzazione internazionale del lavoro (ILO) (C 121), i lavoratori hanno diritto a un ambiente di lavoro sicuro e sano, e questo diritto è stato messo a repentaglio dalla pandemia.

In risposta a queste sfide, gli istituti di previdenza sociale di tutto il mondo hanno adottato misure significative per fornire una copertura di prevenzione completa. In Canada, il Saskatchewan Workers 'Compensation Board ha introdotto modifiche legislative per promuovere la protezione dei lavoratori e dei datori di lavoro dall'impatto del coronavirus. È stato deciso di riallocare il denaro di compensazione (o fondi di compensazione) specificamente per la copertura di eventi assicurativi COVID-19 al fine di assicurarsi che i datori di lavoro considerino coronavirus come malattia professionale. Inoltre, per garantire una comprensione proattiva dell'esposizione al rischio, la maggior parte delle richieste di rimborso dell'assicurazione COVID-19 nella provincia di Saskatchewan sono proattive, poiché i dipendenti che lavorano in condizioni COVID-19 non sicure richiedono un risarcimento in anticipo, prima di ammalarsi.

Nel tentativo di fornire una migliore protezione ai lavoratori, il Fondo di previdenza sociale della Federazione Russa ha fornito servizi di test COVID-19 gratuiti e dispositivi di protezione individuale.

I lavoratori autonomi e il settore informale hanno sofferto maggiormente gli effetti della pandemia, con blocchi e nessuna possibilità di guadagnare un salario giornaliero. Poiché questi lavoratori sono spesso i più difficili da raggiungere e per i quali fornire copertura in termini di sicurezza sociale, programmi speciali doveva essere sviluppato per supportare questo gruppo. Nell'Africa orientale e centrale, le strategie di comunicazione che utilizzano messaggi di testo di massa, radio locali e programmi TV si sono dimostrati i modi più efficaci per comunicare con i lavoratori del settore informale, cercando di motivarli ad aderire e beneficiare del sistema di sicurezza sociale.

Il Korea Workers 'Compensation and Welfare Service (COMWEL) ha sviluppato un approccio più digitale: il sistema AAA Smart Work consente a chiunque di comunicare con qualsiasi dispositivo da qualsiasi luogo. Già prima della pandemia, il 75% di tutti i documenti ufficiali ricevuti dal COMWEL (comprese domande, reclami e ricorsi) erano stati inviati e registrati online. Non appena scoppiò COVID-19, la pratica del telelavoro potrebbe essere adottata quasi immediatamente, mentre i servizi continuarono come di consueto. Il sistema ha inoltre ridotto in modo significativo i tempi di viaggio da e per l'ufficio e, per evitare il superlavoro, l'accesso al sistema è limitato al normale orario lavorativo settimanale per ciascun dipendente.

L'assicurazione sociale tedesca contro gli infortuni (DGUV) e le sue assicurazioni legali contro gli infortuni hanno prodotto linee guida COVID-19 per vari ambienti di lavoro. Manuali speciali per centinaia di aziende sono stati realizzati da zero in sole quattro settimane. Sono stati distribuiti digitalmente a tutti i datori di lavoro per supportare ogni luogo di lavoro con i loro sforzi di prevenzione.

Apertura e tavole rotonde

La sessione speciale è iniziata con il benvenuto dei presidenti delle organizzazioni ospitanti canadesi, il dottor Cameron Mustard, presidente dell'Istituto per il lavoro e la salute (IWH) e Anne Tennier, presidente del Centro canadese per la salute e la sicurezza sul lavoro (CCOHS). Nelle sue osservazioni di apertura, il direttore generale dell'ILO Guy Ryder ha parlato della crisi COVID-19 come di una crisi che richiede un'azione concertata per garantire che la sicurezza e la salute dei lavoratori siano al centro e al centro delle risposte alle pandemie e che i sistemi di sicurezza sociale siano rafforzati in modo che i lavoratori non devono scegliere tra la vita e il sostentamento. Il professor Joachim Breuer, presidente dell'ISSA, ha parlato delle oltre 1,000 misure di sicurezza sociale che sono state sviluppate o ampliate in 200 paesi dall'inizio della pandemia, come mappato dal COVID-19 Country Monitor dell'ISSA su Misure nazionalie ha notato il divario tra il mondo sviluppato e quello in via di sviluppo nella loro capacità di fornire tali risposte. Filomena Tassi, ministro canadese del lavoro, ha accolto calorosamente tutti i partecipanti e ha parlato di misure per rafforzare il sostegno al reddito di lavoratori e imprese e di condivisione di informazioni tra i livelli di governo per sviluppare linee guida per i luoghi di lavoro sulla protezione dei lavoratori.

I membri del panel hanno sottolineato che lo sviluppo più importante nell'affrontare COVID-19 è stato l'uso regolare della tecnologia per facilitare lo scambio di informazioni. Ha consentito il passaggio al lavoro a distanza, ha sostenuto la formazione online per i lavoratori (ad esempio nelle misure di prevenzione COVID-19) e ha aiutato la sicurezza sociale a raggiungere le popolazioni lavorative attualmente non protette da misure normative, ovvero i lavoratori informali, precari e migranti.

Inoltre, COVID-19 ha messo a nudo le vulnerabilità dei lavoratori informali, temporanei e dei gig, esacerbate dal mondo del lavoro in evoluzione. Ancora una volta, le soluzioni di tecnologia dell'informazione e della comunicazione (TIC), come i telefoni cellulari e Internet, hanno contribuito a sviluppare programmi di successo per raggiungere i gruppi vulnerabili.

Sessioni di breakout

Promuovere una cultura della prevenzione per affrontare COVID-19

Nella Breakout Session A, i relatori hanno affermato che i luoghi di lavoro e i settori con una forte cultura della prevenzione sono stati in grado di attingere alle risorse della fiducia e del lavoro di squadra tra le parti del luogo di lavoro. A causa di una comprensione già esistente dell'esposizione al rischio e della necessità di prevenzione del rischio, sono stati anche in grado di costruire sui punti di forza esistenti di una cultura dell'apprendimento e la disciplina di forti programmi di gestione della salute e sicurezza sul lavoro per adattarsi rapidamente alle sfide che COVID- 19 poste alla tutela della salute dei lavoratori. Hanno quindi concluso che la promozione e il mantenimento di una cultura della prevenzione è uno strumento che aiuta ad affrontare le sfide del COVID-19 sui luoghi di lavoro. Può fare riferimento anche qualsiasi Istituzione che intenda sviluppare o rafforzare la propria cultura della prevenzione Sezione B.9. (Promoting a Prevention Culture) delle Linee guida ISSA sulla prevenzione dei rischi professionali.

Luoghi di lavoro resilienti e sostenibili alla luce di COVID-19

Nella Breakout Session B, i relatori hanno sottolineato la necessità di colmare le lacune nei sistemi di sicurezza sociale per consentire la ripresa economica. Hanno inoltre evidenziato il valore di un approccio tripartito - coinvolgendo datori di lavoro, lavoratori e partner governativi - nel rispondere alla sfida di garantire la continuità aziendale senza sacrificare la SSL.

Visione Zero in Movimento

Questa sessione ISSA, Breakout Session C, ha presentato il nuovi indicatori di punta proattivi Vision Zero e ha lanciato il nuovo Programma di formazione Vision Zero. Vision Zero è un approccio trasformativo alla prevenzione che integra le tre dimensioni di sicurezza, salute e benessere a tutti i livelli del lavoro. Lanciato nel settembre 2017 dall'International Social Security Association (ISSA), il programma ha raccolto rapidamente il sostegno di governi e aziende di tutto il mondo e ha trovato un'ampia accettazione nel mondo di professionisti, organizzazioni e aziende di salute e sicurezza sul lavoro. Quella che era iniziata come una campagna è diventata gradualmente una strategia per migliorare le prestazioni di prevenzione a tutti i livelli. Seguendo le richieste della comunità SSL, la Commissione speciale per la prevenzione dell'ISSA lavora con aziende, istituti di previdenza sociale, ricercatori e fornitori di formazione professionale per supportare la strategia Vision Zero con nuovi prodotti e servizi.

  • I nuovi indicatori principali Vision Zero Proactive sono una pietra miliare per portare Vision Zero sul posto di lavoro. Al posto dell'approccio check-list proposto nell'originale Vision Zero Guide, offre un sofisticato sistema di misurazione delle prestazioni di sicurezza, salute e benessere all'interno dell'impresa incontrando diversi indicatori misurabili, che forniscono quindi uno strumento di benchmarking per la gestione dell'azienda di sicurezza, salute e benessere.
  • Il nuovo programma di formazione accreditata Vision Zero si basa su una partnership tra l'Istituto per la sicurezza e la salute sul lavoro (IOSH) e l'ISSA. Poiché un mondo catturato da COVID-19 cerca una vita più sicura e migliore, questo programma di formazione offre ai formatori professionisti in materia di salute e sicurezza sul lavoro l'opportunità di utilizzare i materiali di formazione certificati IOSH per portare Vision Zero a livello aziendale e contribuire così a luoghi di lavoro più sicuri e più sani . Durante il lancio, Marcelo Abi-Ramia Caetano, Segretario Generale dell'ISSA, ha dichiarato: “Unendo le forze, ISSA e IOSH garantiranno lo sviluppo di capacità di formazione di alta qualità, basandosi sulle regole d'oro di Vision Zero 7. Questo è un pilastro cruciale per avanzare verso la visione di un mondo senza malattie, infortuni o decessi causati dal lavoro ".
    Più di 1300 formatori in materia di SSL si sono già iscritti a Vision Zero e hanno condotto o promosso corsi di formazione Vision Zero.

Festival Internazionale dei Media per la Prevenzione

Le Sezioni Internazionali dell'ISSA per l'Energia Elettrica, il Gas e l'Acqua e per l'Informazione per la Prevenzione hanno organizzato il Festival Internazionale dei Media per la Prevenzione (IMFP) nel quadro del Congresso mondiale per la sicurezza e la salute sul lavoro dal 1990. Quest'anno è stato il primo incontro digitale, durante il quale sono stati annunciati i 50 progetti selezionati del festival di quest'anno. I vincitori saranno presenti a settembre 2021, durante il Congresso mondiale a Toronto.

Il Forum globale per l'assicurazione contro gli infortuni sul lavoro

Ospitato dal Fondo di previdenza sociale della Federazione Russa e organizzato dall'ISSA e dalla sua Commissione tecnica per l'assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali, il Forum globale per l'assicurazione contro gli infortuni sul lavoro, che ha riunito esperti e ricercatori di spicco degli istituti di previdenza sociale per discutere questioni relative alla prevenzione per i comitati di indennizzo dei lavoratori e gli schemi di assicurazione contro gli infortuni sul lavoro. La sessione si è concentrata su vari argomenti dedicati alla prevenzione, comunicazione, innovazione, sostenibilità e resilienza al fine di rispondere a focolai pandemici ed eventi estremi come COVID-19.

Il segretario di Stato e viceministro del lavoro e della protezione sociale della Federazione russa, Andrey Pudov, ha sottolineato la necessità che la comunità internazionale si unisca agli sforzi contro il COVID-19 in tutti i campi, compresa l'assicurazione contro gli infortuni sul lavoro. Il governo russo ha adottato speciali misure di minimizzazione del rischio per i dipendenti sanitari e per i dipendenti più vulnerabili (65+). Come parte del loro sostegno e per facilitare la presentazione alle organizzazioni statali, il Fondo russo di previdenza sociale ha consentito ai lavoratori di richiedere un risarcimento per infortuni sul lavoro e di prestare servizi a distanza. Il sig. Pudov ha affermato che ogni assicurazione contro gli infortuni sul lavoro dovrebbe impegnarsi a spostare le proprie politiche di pagamento dell'indennizzo verso la prevenzione delle malattie professionali. Le linee guida ISSA sulla prevenzione dei rischi professionali forniscono un modello su come farlo. Il Fondo di previdenza sociale della Federazione Russa ritiene inoltre imperativo proteggere i dipendenti rimuovendo condizioni di lavoro dannose e introducendo un sistema di gestione della sicurezza e della salute sul lavoro che aiuti a monitorare la salute dei dipendenti durante i loro percorsi di carriera.

Gli altri relatori in quella sessione hanno sottolineato che uno degli aspetti chiave per un sistema di risarcimento dei lavoratori di successo è la fiducia dei cittadini nelle autorità di sicurezza sociale. Queste autorità devono rappresentare gli interessi degli assicurati nell'arena politica, forgiare nuove regole e convincere le imprese che la salute e la sicurezza non sono un ostacolo, ma la base del successo commerciale. Altri aspetti importanti includono la leadership, la gestione del rischio e la continuità dei processi, nuove soluzioni tecniche come videoconferenze online e modalità di lavoro più flessibili, come il telelavoro e orari di lavoro flessibili per il personale. Al fine di garantire un'immagine pubblica positiva dell'istituzione, le comunicazioni con il pubblico interno ed esterno dovrebbero essere pianificate nei minimi dettagli. Un'altra area chiave è la gestione dei dati e l'accesso ai database da qualsiasi dispositivo e risolvere qualsiasi problema, mantenendo protetti i dati degli utenti.

Accedi alle registrazioni video del World Congress Digital Meeting qui. Il prossimo XXII Congresso mondiale sulla sicurezza e la salute sul lavoro si svolgerà digitalmente dal 19 al 22 settembre 2021. Per ulteriori informazioni, visitare https://www.safety2021canada.com.