Eccellenza nell'amministrazione

  • Linee guida ISSA:
  • Promozione della salute sul posto di lavoro

Eccellenza nell'amministrazione

  • Linee guida ISSA:
  • Promozione della salute sul posto di lavoro

Promozione della salute sul posto di lavoro -
Introduzione

Questo insieme di linee guida è stato sviluppato per aiutare gli istituti di previdenza sociale a sostenere e assistere i loro "clienti" - imprese e organizzazioni del settore pubblico e privato - a sviluppare programmi globali di promozione della salute sul lavoro (WHP).

In questo contesto, il termine "istituto di previdenza sociale" è inclusivo e onnicomprensivo. Sono inclusi fondi di assicurazione sanitaria, fondi di assicurazione contro gli infortuni, fondi pensione, fornitori di sicurezza e salute sul lavoro (SSL), fondi di disoccupazione e fondi a sostegno dell'assistenza a lungo termine, così come qualsiasi altra agenzia considerata impegnata nel campo della "sicurezza sociale". ".

La promozione della salute sul posto di lavoro affronta i principali fattori di rischio per malattie prevenibili e non trasmissibili (come obesità, fumo, diabete di tipo 2, malattie alcol-correlate e salute mentale) e facilita l'intervento precoce. Il posto di lavoro è anche un luogo per la diffusione di informazioni e la sensibilizzazione sulle malattie trasmissibili e condizioni di salute come l'AIDS. La riduzione del rischio di malattia porterà, nel medio e lungo termine, a una minore necessità di prestazioni di sicurezza sociale e migliorerà anche la salute della popolazione. I luoghi di lavoro devono istituire una cultura della salute nel senso più ampio, in un modo che valorizzi i punti di forza e le capacità dell'intera forza lavoro.

Secondo i dati dell'Unione europea pubblicati nel 2010, il 3.2 per cento dei lavoratori nell'UE27 ha avuto un infortunio sul lavoro durante un periodo di un anno, che corrisponde a quasi 7 milioni di lavoratori. Inoltre, l'8.6% dei lavoratori ha segnalato un problema di salute correlato al lavoro nei 12 mesi precedenti. Ciò rappresenta una spesa significativa per le singole imprese e le economie nazionali. Gli infortuni sul lavoro e i casi di malattie legate al lavoro comportano costi enormi. Secondo l'Organizzazione internazionale del lavoro (ILO), il costo totale degli infortuni sul lavoro e delle malattie professionali ammonta a circa il 4% del prodotto interno lordo mondiale.

Inoltre, la ricerca mostra che una grande percentuale di decessi è associata principalmente a comportamenti modificabili legati allo stile di vita. Quattro fattori predominanti - uso di tabacco, cattiva alimentazione, bassi livelli di attività fisica e consumo di alcol, rappresentano i principali rischi di malattie non trasmissibili in tutto il mondo. Nei prossimi due decenni, le malattie non trasmissibili costeranno più di 30 trilioni di dollari, rappresentando il 48 per cento del prodotto interno lordo globale nel 2010, che avrà un impatto drammatico sulla produttività.

Questa perdita significativa ha un impatto negativo sulla crescita economica e pone un peso alla società. Le economie nazionali e le singole imprese con migliori standard di salute e sicurezza sul lavoro tendono ad avere più successo. Lavorare in sicurezza e salvaguardare la salute e il benessere forniscono quindi ai datori di lavoro vantaggi economici diretti.

Gli istituti di previdenza sociale svolgono un ruolo importante nell'influenzare e facilitare il ritorno al lavoro dopo un infortunio o una malattia. Ciò avvantaggia gli assicuratori (con un risparmio sui costi), gli individui (con miglioramenti più rapidi della salute e il benessere ristabilito) e i datori di lavoro (con meno assenze).

Gli istituti di previdenza sociale possono ottenere vantaggi tangibili assumendo un ruolo di leadership nella protezione e promozione della salute sul luogo di lavoro. Queste linee guida supportano tali azioni.