Eccellenza nell'amministrazione

  • Linee guida ISSA:
  • Prevenzione dei rischi professionali

Eccellenza nell'amministrazione

  • Linee guida ISSA:
  • Prevenzione dei rischi professionali

Prevenzione dei rischi professionali -
B.3. Prevenzione e individuazione precoce delle malattie professionali e intervento precoce

La prevenzione delle malattie professionali è una sfida importante per i sistemi di sicurezza sociale. Gli studi sul tasso di incidenti possono prevedere l'esatta probabilità del verificarsi di un incidente o di un infortunio grave. Tuttavia, i calcoli sulla probabilità di insorgenza di malattie professionali devono tenere conto di fattori difficili da misurare o prevedere, come la prevalenza, la durata delle cure mediche ei fattori ambientali che favoriscono i rischi professionali. È una sfida prevedere l'impatto delle malattie professionali sulla società e quindi la fattibilità di un sistema di sicurezza sociale che assicuri questi rischi.

Quanto prima una malattia professionale può essere individuata e affrontata, tanto maggiori sono le possibilità di cura e reinserimento lavorativo. La diagnosi tempestiva dei sintomi rilevanti (sia fisici che psicologici) consente non solo un trattamento medico efficace, ma anche interventi sul posto di lavoro come modifiche ai processi lavorativi e dispositivi di protezione migliorati.

Oltre alle malattie professionali, la prevenzione di condizioni legate al lavoro come i disturbi muscoloscheletrici e i problemi di salute mentale è sempre più al centro dell'attenzione. Queste possono non essere riconosciute come malattie professionali negli elenchi nazionali, ma spesso sono direttamente collegate all'esposizione al lavoro e possono essere una delle principali cause di assenteismo.

Per affrontare queste sfide in modo tempestivo è necessario un quadro normativo che costituisca la base per esami sistematici, linee guida standardizzate per diagnosi di qualità garantita e un'infrastruttura medica che coinvolga medici del lavoro e personale medico di assistenza.

Le seguenti sei linee guida mirano ad aiutare le istituzioni di sicurezza sociale a sostenere i datori di lavoro nella fornitura di esami medici preventivi.