Centro di eccellenza

  • Linee guida ISSA:
  • Prevenzione dei rischi professionali

Centro di eccellenza

  • Linee guida ISSA:
  • Prevenzione dei rischi professionali

Prevenzione dei rischi professionali -
A.1. Quadro per la prevenzione

Qualsiasi ente previdenziale che intenda istituire o migliorare servizi di prevenzione, come raccomandato, dovrebbe prima intraprendere un'analisi approfondita del quadro giuridico e istituzionale nazionale esistente per le attività di prevenzione.

Particolare attenzione dovrebbe essere data al mandato normativo esistente dell'ente per quanto riguarda le attività di prevenzione. Se l'attuale mandato legale non include attività di prevenzione, o se il mandato è insufficiente per attuare tutte le misure di prevenzione necessarie, l'istituzione dovrebbe presentare una proposta al governo o al ministero competente.

Le istituzioni di sicurezza sociale con il mandato di prevenire gli infortuni e le malattie professionali dovrebbero sviluppare e attuare un programma di prevenzione, comprese le infrastrutture, le capacità e le attività prioritarie all'interno della loro area di responsabilità.

Le parti sociali e le autorità competenti in materia di sicurezza e salute dovrebbero essere consultate. Allo stesso modo, gli enti di previdenza sociale dovrebbero essere consultati dalle autorità nell'elaborazione di nuove normative in materia di sicurezza e salute, sia per i loro dati unici e le loro conoscenze sugli infortuni sul lavoro, sia perché possono essere utili per valutare la fattibilità delle disposizioni legali previste.