Eccellenza nell'amministrazione

  • Linee guida ISSA:
  • Continuità e resilienza dei servizi e dei sistemi di sicurezza sociale

Eccellenza nell'amministrazione

  • Linee guida ISSA:
  • Continuità e resilienza dei servizi e dei sistemi di sicurezza sociale

Continuità e resilienza dei servizi e dei sistemi di sicurezza sociale -
Introduzione

Gli istituti di previdenza sociale sono un volto importante del governo. Il pubblico si rivolge alla previdenza sociale per il sostegno, soprattutto nei momenti di bisogno nelle varie fasi della propria vita. Mentre la sostenibilità finanziaria dei programmi è una preoccupazione costante degli amministratori della sicurezza sociale, soddisfare la domanda pubblica di benefici e servizi su base quotidiana richiede un'attenzione e un'azione più immediate. Il pubblico è cresciuto nell'aspettarsi la fornitura prevedibile e tempestiva di prestazioni e servizi di sicurezza sociale in circostanze normali, nonché in situazioni estremamente dirompenti ed estreme, come evidenziato dalla recente esperienza con la pandemia di COVID-19.

Shock imprevisti ed eventi estremi possono stressare e sopraffare in modo significativo le capacità delle istituzioni di sicurezza sociale, il che può portare a gravi interruzioni nella fornitura di benefici e servizi e, in definitiva, a una perdita di fiducia pubblica. La pandemia ricorda inequivocabilmente che il pubblico conta sugli amministratori della sicurezza sociale per mantenere la promessa di fornire tempestivamente la sicurezza sociale anche in condizioni avverse. Consapevoli del fatto che gli shock possono facilmente tradursi in crisi sociali, le istituzioni di sicurezza sociale devono avere le capacità per ridimensionare e distribuire rapidamente risorse e collaborare con altre unità governative come parte di una risposta nazionale concertata.

Una gamma sempre più ampia di shock ed eventi estremi sta colpendo l'operato degli istituti di previdenza sociale. Le crisi socioeconomiche e umanitarie richiedono risposte sociali eccezionali per proteggere i gruppi di popolazione colpiti. Le catastrofi naturali hanno un impatto sui servizi di sicurezza sociale e richiedono specifiche operazioni di supporto sociale. Altri tipi di incidenti fisici, come gli incendi, possono distruggere l'infrastruttura istituzionale, causando gravi interruzioni del servizio. Inoltre, la crescente digitalizzazione dell'amministrazione della sicurezza sociale espone le istituzioni a cyber-rischi e vulnerabilità emergenti, come descritto nel rapporto ISSA Migliorare la protezione e la resilienza informatica delle amministrazioni della sicurezza sociale – Introduzione alla sicurezza informatica (2021) e nel rapporto ISSA Resilienza operativa digitale (2022).

Uno shock può potenzialmente gettare tutto nel caos, non da ultimo le risorse umane e TIC, i processi aziendali, i programmi e l'erogazione dei servizi. Gli istituti di previdenza sociale devono essere pronti a gestire tali interruzioni ed essere in grado di ripristinare la normalità e la continuità aziendale con facilità e resilienza. È importante identificare i punti di forza dell'organizzazione e, non meno importante, correggere i punti deboli indipendentemente dal fatto che questi derivino da carenze nell'organizzazione, nel processo decisionale, nei processi aziendali, nell'infrastruttura, negli asset o nelle attività. L'impermeabilità agli urti richiede la correzione e il rafforzamento dei punti deboli fino a questo momento per garantire che l'intera struttura istituzionale possa resistere ed essere resiliente di fronte a qualsiasi futuro evento dirompente.

La prontezza istituzionale per eventi avversi fornisce al pubblico e al personale dell'istituzione un forte senso di stabilità e fiducia. I sistemi e le risorse sottoposti a test di stress e privi di rischi consentono una posizione di forza da cui l'istituzione può prontamente soddisfare le esigenze dei cittadini con interruzioni operative minime. Indipendentemente dallo stadio di sviluppo di un'istituzione, gli ultimi anni hanno sottolineato l'importanza di includere la continuità aziendale e la resilienza come elemento chiave di governance nell'amministrazione della sicurezza sociale. Se si verifica un evento avverso senza piani di emergenza in atto, le misure reattive potrebbero rivelarsi troppo limitate o troppo tardive, comprendendo soluzioni last minute più costose e soluzioni provvisorie incapaci di salvare la reputazione di un'istituzione o la buona volontà del pubblico.

Per essere resilienti, è fondamentale che le istituzioni stabiliscano piani di continuità operativa che anticipino crisi impreviste. Tali piani consentiranno ai sistemi e alle risorse dell'istituto di essere parte della soluzione invece di aggravare la sfida da risolvere e consentiranno all'istituto di essere agile nella gestione di una crisi e di essere proattivo nel proteggere i beneficiari e la popolazione interessata.

La natura imprevedibile degli shock e degli eventi estremi sottolinea la necessità di strutture che forniscano i mezzi per identificare, rispondere ed essere resilienti rapidamente a questi eventi. Le Linee guida ISSA sulla continuità e la resilienza dei servizi e dei sistemi di sicurezza sociale mirano a fornire indicazioni su come gli istituti di sicurezza sociale possono prepararsi, rafforzare e continuare a fornire benefici e servizi di fronte a eventi imprevisti formulando un percorso che concentri gli sforzi in diversi ambiti.

Sebbene esistano quadri e standard di continuità operativa, essi sono di natura ampia e generale e non sono adattati alle esigenze specifiche dei programmi e delle istituzioni di sicurezza sociale. Queste linee guida colmano questa lacuna e affrontano le specificità dell'amministrazione della sicurezza sociale, in particolare la necessità di resilienza e prontezza per eventi estremi imprevisti. Le linee guida ISSA sulla continuità e la resilienza dei servizi e dei sistemi di sicurezza sociale integrano le altre linee guida ISSA e gli standard internazionali applicabili per coprire la mancanza di linee guida specifiche per l'amministrazione della sicurezza sociale.