Estensione della copertura

La protezione sociale nei paesi BRICS

Estensione della copertura

La protezione sociale nei paesi BRICS

I paesi BRICS condividono l’impegno per la protezione sociale e le loro recenti iniziative per estendere e rafforzare la copertura della previdenza sociale hanno contribuito in modo significativo al progresso globale verso la protezione sociale universale. La cooperazione dei BRICS in materia di sicurezza sociale è sostenuta dall’Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO) e dall’Associazione Internazionale della Sicurezza Sociale (ISSA), anche attraverso l’hosting congiunto di un Ufficio di Collegamento Virtuale come parte del Quadro di Cooperazione per la Sicurezza Sociale dei BRICS. Dal 2015, l’ILO e l’ISSA hanno fornito input di conoscenze alle riunioni annuali dei ministri del lavoro e dell’occupazione dei BRICS e dei gruppi di lavoro.

Il termine BRICS si riferisce ai paesi Brasile, Federazione Russa, India, Cina e Sud Africa, che insieme rappresentano circa il 42% della popolazione mondiale e il 32% del PIL globale. Dal 1° gennaio 2024 sono diventati membri della cooperazione BRICS anche l’Egitto, l’Etiopia, la Repubblica islamica dell’Iran, l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti.

I paesi BRICS attribuiscono grande importanza alla protezione sociale e hanno discusso dei progressi compiuti verso sistemi di sicurezza sociale sostenibili e universali. La cooperazione tra governi, parti sociali e organizzazioni della società civile dei paesi BRICS e varie organizzazioni internazionali come l’Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO) è stata sempre più attiva, dimostrando un grande potenziale per i paesi BRICS di contribuire positivamente agli sforzi globali di copertura previdenziale. estensione.

Già nel 2011, l’ISSA ha lanciato il suo progetto BRICS per monitorare gli sviluppi della sicurezza sociale nei paesi BRICS, con particolare attenzione all’estensione della copertura previdenziale. Nel 2013, l’ISSA ha pubblicato il rapporto Estensione della copertura previdenziale nei BRICS: uno studio comparativo sull'estensione della copertura in Brasile, Federazione Russa, India, Cina e Sud Africa.

Dal 2015, l'ISSA, in collaborazione con l'ILO, ha contribuito attivamente alle riunioni annuali dei ministri del lavoro e dell'occupazione dei BRICS, nonché alle riunioni del gruppo di lavoro sull'occupazione dei BRICS. La Dichiarazione dei ministri del Lavoro e dell’Occupazione dei BRICS del 2017 (Chongqing, Cina) ha istituito il quadro di cooperazione per la sicurezza sociale dei BRICS, compreso l’ufficio di collegamento virtuale, per approfondire la collaborazione tra i paesi BRICS e con altri paesi, sostenuto dall’ILO e dall’ISSA. A seguito di questo sviluppo, l’Impegno dei BRICS verso una protezione sociale sostenibile e universale è stato adottato in occasione della Settimana globale per la protezione della sicurezza sociale dell’ILO nel novembre 2019 e il primo webinar interattivo esecutivo dei BRICS: “Conducting Negotiations on Social Security Agreements between Nations: Initiation Approaches and Procedures” è stato organizzato dal Virtual Liaison Office nell'aprile 2021 in stretta collaborazione con il Ministero del Lavoro e dell'Occupazione indiano.

Sviluppi della sicurezza sociale nei paesi BRICS

Brasil

Il sistema di protezione sociale brasiliano integra diversi regimi contributivi e non contributivi per raggiungere un’elevata copertura della popolazione. Il programma pensionistico rurale garantisce la copertura pensionistica dei lavoratori del settore agricolo attraverso uno schema ben adattato. La copertura previdenziale è stata estesa ai lavoratori autonomi e ai lavoratori delle microimprese attraverso un meccanismo monotassa, che facilita la formalizzazione delle microimprese. La tutela assicurativa contro la disoccupazione e contro gli infortuni sul lavoro è stata estesa ai lavoratori domestici. Il programma di assistenza sociale brasiliano Bolsa Familia è stato ripristinato nel marzo 2023, coprendo circa 21 milioni di famiglie ed è stato potenziato per includere un nuovo beneficio supplementare per i bambini di età compresa tra 0 e 6 anni.  

Federazione Russa

Nella Federazione Russa, la copertura previdenziale universale affonda le sue radici nel sistema dell’era sovietica e conserva ancora numerosi elementi non assicurativi volti a fornire sostegno sociale a tutti. Tuttavia, il sistema universale ereditato ha subito un continuo sviluppo dopo il periodo socialista e si trova ad affrontare un notevole rischio di contrazione della copertura a causa dell’occupazione informale alimentata dalla crescente migrazione, dal lavoro autonomo e dal fenomeno dei lavoratori su piattaforma. Per affrontare le nuove sfide e le crescenti disuguaglianze, è stata introdotta un’ampia gamma di riforme mirate e misure politiche globali, tra cui vari programmi obbligatori e volontari, in settori chiave della sicurezza sociale. La legge del 2022 sull’”occupazione della popolazione” mira a razionalizzare i criteri e gli standard di ammissibilità delle indennità di disoccupazione e a ottimizzare le informazioni che i datori di lavoro devono fornire ai servizi pubblici per l’impiego.

India

L’India dispone di un ampio sistema di sicurezza sociale che comprende sia programmi di assicurazione sociale che di assistenza sociale sia a livello centrale che statale. Sebbene quasi il 90% della forza lavoro rimanga informale, il governo si è impegnato a favore della progressiva universalizzazione della copertura previdenziale attraverso il Codice di previdenza sociale 2020 e ha lanciato un nuovo sistema di registrazione elettronica (e-Shram) che dovrebbe estendere sostanzialmente la copertura copertura geografica in tutta l’India. Il programma nazionale di garanzia per l'occupazione rurale Mahatma Gandhi dell'India copre attualmente 17 milioni di lavoratori rurali attivi e fornisce 100 giorni di lavoro garantito all'anno attraverso lavori pubblici o un'indennità di disoccupazione nel caso in cui tale lavoro non sia disponibile. L’India è impegnata a raggiungere la copertura sanitaria universale per tutti i suoi cittadini entro il 2030, fondamentale per raggiungere gli altri Obiettivi di Sviluppo Sostenibile.

Cina

Negli ultimi due decenni la Cina ha ottenuto risultati impressionanti nello sviluppo di regimi di sicurezza sociale sia contributivi che non contributivi, sostenuti dalla trasformazione gestionale e amministrativa e dall’uso innovativo delle TIC. Di conseguenza, la Cina ha realizzato una copertura universale sia per i regimi pensionistici che per quelli di assicurazione sanitaria e ha implementato programmi di assistenza sociale sia urbani che rurali, basati sui mezzi, a livello nazionale. Si sono osservati costanti progressi annuali nell’estensione della copertura dei regimi di assicurazione contro la disoccupazione, gli infortuni sul lavoro e la maternità. Entro la fine del 49 l’assicurazione per l’assistenza a lungo termine è stata sperimentata in 2022 città, coprendo circa 170 milioni di persone. Nel 2022 è stata implementata la messa in comune nazionale dell’assicurazione pensionistica di base per i dipendenti urbani e il sistema pensionistico individuale del terzo pilastro è stato sperimentato in 36 città o prefetture.

Sud Africa

L’accesso alla sicurezza sociale è un diritto costituzionale in Sud Africa. La copertura previdenziale è diffusa e quasi tutti i rischi tradizionali sono coperti attraverso l’erogazione di contributi a fondo perduto (vecchiaia, invalidità e superstiti; assegni familiari) e programmi contributivi per i lavoratori assicurati (malattia e maternità; infortuni e malattie professionali; disoccupazione). . Il governo sta discutendo un Libro verde sulla sicurezza sociale globale, che mira ad ampliare la copertura dell'assicurazione sociale e propone l'istituzione di un fondo pubblico di previdenza sociale (Fondo nazionale di previdenza sociale). Nel giugno 2023, il parlamento ha approvato la legge sull’assicurazione sanitaria nazionale, che mira a fornire a tutti i cittadini l’accesso alle stesse prestazioni sanitarie essenziali, indipendentemente dai loro mezzi finanziari.