Analisi

Sfide riabilitative nelle società che invecchiano: la necessità di un approccio olistico

Analisi

Sfide riabilitative nelle società che invecchiano: la necessità di un approccio olistico

La riabilitazione è una questione centrale per gli individui e la sicurezza sociale. Essendo già stata portata alla ribalta nel contesto delle società che invecchiano, la pandemia COVID-19 ha ulteriormente accentuato l'importante ruolo della riabilitazione, poiché molti pazienti affetti da coronavirus hanno bisogno di aiuto per tornare a una vita e un lavoro normali. I programmi di riabilitazione basati su un approccio olistico che combina assistenza, ritorno al lavoro e benefici sociali, migliorando la cooperazione tra i diversi attori, sono emersi come i più promettenti per soddisfare efficacemente le crescenti esigenze di riabilitazione.

La riabilitazione è definito dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO) come "un insieme di interventi progettati per ottimizzare il funzionamento e ridurre la disabilità in individui con condizioni di salute in interazione con il loro ambiente" (WHO, 2020). Svolge un ruolo importante nella cura e nel recupero delle persone. È un elemento principale per migliorare la salute e il benessere fisico o mentale degli individui, consentendo e supportandoli a raggiungere il loro pieno potenziale e, ove possibile, a vivere una vita piena e attiva. Chiunque può aver bisogno di riabilitazione ad un certo punto della sua vita, a seguito di un infortunio, un intervento chirurgico, una malattia o una malattia, o perché la sua capacità funzionale è diminuita con l'età.

Le esigenze di riabilitazione sono in aumento. Le ragioni di ciò sono molteplici e includono il cambiamento dei fattori di rischio per la salute che innescano una maggiore prevalenza di condizioni croniche e una maggiore incidenza di problemi di salute mentale tra le popolazioni più giovani in età lavorativa. Il fattore più importante per la necessità di rafforzare la riabilitazione, tuttavia, è il rapido invecchiamento della popolazione in atto in molte regioni del mondo.

Le persone vivono più a lungo – con il numero di persone oltre i 60 anni che si prevede raddoppierà entro il 2050 – e sempre più persone convivono con malattie croniche come diabete, ictus e cancro. La disabilità è una delle principali sfide che gli enti di previdenza sociale affrontano in questo contesto, in quanto impatta su individui, società, economie e sostenibilità finanziaria dei sistemi di previdenza sociale.  

La riabilitazione a tutte le età è indispensabile per sostenere le persone e promuovere l'inclusione, l'attività e l'occupazione. Integrando la prevenzione e le strategie di intervento precoce, maggiori investimenti nella riabilitazione olistica e incentrata sulle persone sono un mezzo chiave per promuovere vite lavorative più lunghe e ritardare le esigenze di assistenza.

Pertanto, l'International Social Security Association (ISSA) sta intensificando il suo lavoro sulla riabilitazione (ISSA, 2021), anche tenendo conto dell'impatto della pandemia COVID-19 sui bisogni e sulle capacità di riabilitazione. La natura multidisciplinare della riabilitazione, che comprende infortuni sul lavoro, assistenza sanitaria, sostegno all'occupazione e indennità di malattia, ha motivato la recente istituzione dell'ISSA Special Working Group on Rehabilitation. Con membri provenienti da Austria, Azerbaigian, Belgio, Canada, Finlandia, Germania, Indonesia, Italia, Repubblica di Corea, Malesia, Messico, Nigeria, Regno Unito e Stati Uniti, il gruppo di lavoro affronta il ruolo della riabilitazione per una vita attiva e rafforzata partecipazione al mercato del lavoro. Basato su un approccio intersettoriale - in coordinamento con i rispettivi Commissioni tecniche ISSA – offre una piattaforma trasversale per lo scambio di buone pratiche, promuovendo una visione olistica della riabilitazione come importante pilastro della sicurezza sociale.

Attraverso una serie di attività, inclusi webinar, l'ISSA indaga sui sistemi di riabilitazione esistenti e analizza i fattori che giocano un ruolo nello sviluppo e nell'attuazione di un sistema efficace di riabilitazione e ritorno al lavoro. I sistemi per la riabilitazione dei lavoratori malati e infortunati sono sempre più visti come elementi importanti degli approcci delle politiche nazionali nei confronti di una forza lavoro che invecchia. Queste attività forniranno input per lo sviluppo e l'aggiornamento di Linee guida ISSA sul ritorno al lavoro e la reintegrazione e settori correlati dell'amministrazione della sicurezza sociale, e contribuiscono a una serie di eventi chiave, per garantire che la cooperazione internazionale e lo scambio di buone pratiche in questo settore siano compiuti un passo avanti.

Un primo Webinar ISSA incentrato su Strategie riabilitative post-COVID-19 si è tenuto il 27 gennaio 2021 con esperti dell'Organizzazione internazionale del lavoro (ILO) e delle organizzazioni membri dell'ISSA provenienti da Belgio, Canada, Germania e Repubblica di Corea, che hanno condiviso le loro preoccupazioni e soluzioni in merito all'impatto della pandemia.

Una seconda Webinar ISSA indirizzato Politiche di riabilitazione e reinserimento lavorativo: la necessità di approcci olistici, che ha avuto luogo il 21 aprile 2021. Ha fornito una solida panoramica delle sfide condivise dall'OMS e delle risposte alle crescenti esigenze di riabilitazione, illustrate con le esperienze dei paesi delle organizzazioni membri dell'ISSA di Belgio e Canada.

In questo contesto, l'articolo delinea le questioni chiave sollevate dalle organizzazioni internazionali e dalle istituzioni membri dell'ISSA e discute i diversi aspetti della riabilitazione.

Un ambito più ampio di riabilitazione

La riabilitazione dovrebbe essere intesa in senso ampio, coprendo tutte le misure mediche, occupazionali e sociali che servono a consentire alle persone di riconquistare il posto appropriato nella vita professionale ed economica e nella società. La riabilitazione medica mira a ripristinare la capacità funzionale o mentale e la qualità della vita delle persone con menomazioni o disabilità fisiche o mentali. La riabilitazione professionale (o occupazionale) consente alle persone con menomazioni fisiche o mentali o disabilità di superare le barriere all'accesso, al mantenimento o al ritorno al lavoro. Infine, la riabilitazione sociale facilita la partecipazione delle persone con disabilità alla vita sociale.

La riabilitazione comprende servizi medici, terapeutici, infermieristici, sociali, professionali, educativi o tecnici, compreso l'adattamento all'ambiente della persona. Può essere fornito in molti contesti diversi, dalle strutture ospedaliere ospedaliere o ambulatoriali alle cliniche private, o in contesti comunitari, come la casa di un individuo, soddisfacendo così le esigenze delle persone anziane o di coloro con più condizioni a lungo termine che desiderano vivere in modo indipendente . Il miglioramento dei servizi di riabilitazione basati sulla comunità è parte integrante dell'approccio riabilitativo, così come la prevenzione della dipendenza dai servizi di assistenza e supporto attraverso la promozione di una vita indipendente.

I benefici della riabilitazione

La riabilitazione è un investimento con costi e benefici sia per gli individui che per la società. Può ridurre l'impatto invalidante di un'ampia gamma di condizioni di salute, comprese malattie acute o croniche, malattie o lesioni. Può aiutare a evitare costosi ricoveri ospedalieri, ridurre la durata della degenza ospedaliera e prevenire i ricoveri. Consente inoltre alle persone di partecipare all'istruzione e a un'occupazione retribuita, rimanere indipendenti a casa e ridurre al minimo la necessità di supporto finanziario o di assistenza.

L'ISSA, insieme al suo Commissione tecnica per l'assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali, ha condotto uno studio sulla Ritorno al reinserimento lavorativo (Echarti; Schüring e Kemper, 2017). Stima il ritorno globale degli investimenti diretti a misure di riabilitazione medica e professionale per lavoratori infortunati e assenti per motivi di salute, con l'obiettivo di consentire il reinserimento sul posto di lavoro. Questa analisi costi-benefici ha rivelato che il rapporto medio di ritorno sugli investimenti per i datori di lavoro è 3.7 e per i sistemi di sicurezza sociale è 2.9. Da una prospettiva sociale, i guadagni di produttività stimati superano gli investimenti di un fattore 2.8.

La necessità di un approccio olistico

Rafforzare il sistema sanitario

La salute è un elemento importante dell'agenda 2030 degli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) (ONU, 2015), con un obiettivo globale: SDG 3: "Garantire una vita sana e promuovere il benessere per tutti a tutte le età". Quando gli individui affrontano sfide per il loro benessere fisico o mentale, sperimentano un impatto sulla loro qualità di vita. La riabilitazione consiste fondamentalmente nel consentire e supportare le persone a riprendersi o ad adattarsi durante questo periodo, per riacquistare la loro capacità funzionale.

Affinché la riabilitazione raggiunga il suo pieno potenziale, gli sforzi dovrebbero essere diretti al rafforzamento del sistema sanitario ea rendere la riabilitazione parte dell'assistenza sanitaria a tutti i livelli, come parte della copertura sanitaria universale (UHC). Ogni persona dovrebbe essere in grado di accedere ai servizi medici e ai farmaci di cui ha bisogno senza subire difficoltà finanziarie. Ciò include, come specificato dall'OMS, l'accesso ai servizi di riabilitazione, che stanno diventando sempre più importanti a causa della crescente prevalenza di condizioni croniche e dell'invecchiamento della popolazione.

Nel 2017, l'OMS ha lanciato il Iniziativa Riabilitazione 2030 (WHO, 2017) che invita tutte le parti interessate in tutto il mondo a unirsi per lavorare su diverse aree prioritarie, tra cui il miglioramento della leadership e della governance, lo sviluppo di una forte forza lavoro multidisciplinare per la riabilitazione, l'espansione dei finanziamenti per la riabilitazione e il miglioramento della raccolta e della ricerca dei dati.

Per raggiungere questi obiettivi, l'OMS fornisce una guida pratica ai governi per rafforzare i diversi elementi costitutivi del sistema sanitario per la riabilitazione, supportando i ministeri della salute nel prendere decisioni sulla pianificazione dei servizi e sul budget per la riabilitazione in base alle esigenze e alle priorità dei paesi.

Risposte di sicurezza sociale trasversali

I sistemi di sicurezza sociale devono adattarsi alle esigenze in evoluzione di tutti i gruppi di popolazione, guardando in modo olistico all'empowerment delle persone, prevenendo in tal modo la necessità di benefici e servizi, sostenendo la partecipazione, l'attività e la produttività del mercato del lavoro.

L'invecchiamento della popolazione modificherà la domanda di sicurezza sociale e assistenza sanitaria adeguate e sostenibili e allo stesso tempo, e tutte le altre cose a parità di condizioni, porterà a livelli ridotti di contributi e ad un aumento della spesa sociale. Per contribuire alla sostenibilità finanziaria dei programmi di sicurezza sociale, le amministrazioni della sicurezza sociale adattano risposte personalizzate che supportano la riabilitazione proattiva e il reinserimento nell'attività economica di persone escluse dal mercato del lavoro.

Il contesto per le persone con disabilità si è evoluto considerevolmente negli ultimi tempi rispetto a quando sono stati introdotti per la prima volta i programmi di benefici per invalidità a lungo termine. I progressi in campo medico, la natura mutevole del lavoro e ambienti di lavoro più accessibili hanno aumentato il potenziale per le persone con disabilità di riguadagnare la capacità lavorativa e trovare un impiego. Nonostante questa nuova realtà, persistono bassi tassi di ritorno al lavoro. Di conseguenza, i programmi sulla disabilità cercano sempre più metodi efficaci per ridurre i disincentivi e rafforzare il sostegno al fine di massimizzare la partecipazione al mercato del lavoro dei beneficiari.

Poiché l'assenza per malattia di lunga durata è una delle principali vie di inattività, è un importante fattore predittivo per l'uscita dal mercato del lavoro, anche attraverso la pensione di invalidità (OCSE, 2010) e il pensionamento anticipato. Questi sono i maggiori oneri finanziari per i membri dell'ISSA e per la società. Le azioni volte alla prevenzione delle malattie – sia sul posto di lavoro (interventi sulla sicurezza e salute sul lavoro (SSL)) sia al di fuori del posto di lavoro (interventi di salute pubblica) – sono chiaramente importanti. In caso di malattia, le misure di intervento precoce incentrate sulla riabilitazione e sul ritorno al lavoro sono essenziali per ridurre al minimo le assenze che portano alla disabilità.

La riabilitazione è importante anche per garantire che il futuro del lavoro sia inclusivo, senza lasciare indietro nessuno. Il Dichiarazione del Centenario dell'OIL per il futuro del lavoro (ILO, 2019), adottato dall'ILO nel giugno 2019, evidenzia la necessità di un approccio incentrato sull'uomo e incorpora un riferimento esplicito alla necessità di garantire pari opportunità e trattamento alle persone con disabilità. L'approccio basato sui diritti nei confronti delle persone con disabilità, riflesso nell'Agenda SDG 2030, è allineato con Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità (CRPD) (ONU, 2016).

In Canada, il Saskatchewan Workers 'Compensation Board (WCB) ha stabilito aspettative minime relative a un contatto precoce e proattivo con i clienti, al fine di identificare e risolvere gli ostacoli a una riabilitazione efficace e al ritorno al lavoro. Ha riconosciuto opportunità significative per formare il personale e i datori di lavoro su un modello più incentrato sul cliente per la prevenzione della disabilità lavorativa e il ritorno al lavoro.

Employment and Social Development Canada (ESDC) sta intraprendendo un rinnovo degli elementi post-sovvenzione del Canada Pension Plan Disability Program (CPPD), inteso a migliorare gli aspetti del programma dopo che a un individuo vengono concessi i benefici. Sono in corso lavori per costruire la base di prove per informare i miglioramenti, compresa la ricerca comparativa internazionale sulle migliori pratiche per incoraggiare la partecipazione al mercato del lavoro dei beneficiari del sostegno alla disabilità, in collaborazione con l'ISSA.

Impatto di COVID-19

La pandemia COVID-19 ha evidenziato l'importanza cruciale della riabilitazione. Sia direttamente che a causa dell'isolamento sociale, della limitazione dei movimenti e dell'interruzione del sistema sanitario, minaccia di generare un enorme aumento della necessità di riabilitazione, in particolare per le persone anziane.

La pandemia ha anche messo a dura prova molte istituzioni e servizi di riabilitazione. Se da un lato hanno fatto del loro meglio per far fronte a una domanda crescente, dall'altro sono stati tenuti a seguire le regole sulla limitazione dell'accesso alle strutture, il distanziamento sociale e le misure igieniche.

La mancanza di una riabilitazione precoce e intensiva durante una finestra temporale critica può influire sulle possibilità di recupero. Inoltre, la relativa crisi economica può influenzare le opportunità di riabilitazione per le persone che soffrono di altre malattie croniche.

L'impatto della pandemia sui servizi di riabilitazione è illustrato dall'assicurazione pensionistica federale tedesca (Assicurazione pensionistica federale tedesca - DRV Bund). Gli obiettivi centrali delle sue attività di riabilitazione sono mantenere la capacità lavorativa a lungo termine e preservare l'occupazione della popolazione in età lavorativa attraverso programmi e politiche di prevenzione della disabilità, ritorno al lavoro e permanenza al lavoro. Indubbiamente, la prevenzione è molto importante per evitare pensioni di invalidità e pensionamento anticipato. In tutto il paese, l'assicurazione pensionistica tedesca gestisce 90 cliniche di riabilitazione, oltre a circa 1,000 fornitori privati. L'assicurazione pensionistica tedesca è responsabile della riabilitazione medica e professionale.

Dal primo blocco del COVID-19 in Germania, i pazienti devono affrontare un accesso notevolmente ridotto ai servizi di riabilitazione. A causa della pandemia, alcune cliniche di riabilitazione hanno dovuto chiudere completamente. Altri hanno dovuto cambiare la loro attenzione e accettare solo pazienti di follow-up o in quarantena con condizioni lievi, riducendo la loro capacità per essere all'altezza dei severi requisiti di igiene. Altri dovevano agire come cliniche acute per pazienti COVID-19 o servire come strutture di assistenza a lungo termine.

Molti gruppi vulnerabili (ad esempio gli anziani) non hanno potuto accedere alle strutture di riabilitazione e numerosi pazienti hanno evitato di utilizzare i servizi di riabilitazione. Le malattie croniche non sono state trattate a sufficienza, poiché l'intervento chirurgico è stato rinviato. Inoltre, è emersa una maggiore necessità di riabilitazione dopo l'infezione da COVID-19.

Verso servizi di riabilitazione orientati all'uomo e basati sui dati

La pandemia COVID-19 offre anche l'opportunità di trasformare e riprogettare i servizi di riabilitazione per essere più orientati all'uomo e resilienti alle future ondate di pandemia. Le forme ibride di servizi di riabilitazione sono sviluppate attraverso la sanità elettronica e le applicazioni online. I sistemi di riabilitazione beneficiano dell'innovazione digitale in un ambiente di lavoro in rapida evoluzione, come i programmi di tele-riabilitazione per i lavoratori. Inoltre, le tecnologie dell'informazione e della comunicazione (TIC) possono essere utilizzate per valutare la disabilità come primo passo per una riabilitazione di successo.

Nella Repubblica di Corea, il Korea Workers 'Compensation and Welfare Service (COMWEL) fornisce programmi integrati personalizzati ai lavoratori con infortunio industriale, comprese cure mediche su misura, riabilitazione o risarcimento in modo tempestivo e sistematico, aiutando così il ritorno del lavoratore al lavoro e sociale vita. La progettazione di servizi di riabilitazione che rispondano alle esigenze degli utenti, l'uso di applicazioni di data linkage e machine learning possono migliorare servizi personalizzati e soluzioni di ritorno al lavoro. Spostando il paradigma della riabilitazione dal servizio centrato all'uomo, dalla riabilitazione preventiva integrata e orientata al lavoro e dai servizi faccia a faccia al digitale, la strategia di riabilitazione per l'era post-COVID-19 si concentra anche sulla creazione di sinergie attraverso le partnership con organizzazioni esterne e collaborazione internazionale.

L'Istituto nazionale per l'assicurazione sanitaria e per l'invalidità (Istituto nazionale per l'assicurazione malattia e invalidità - INAMI) del Belgio ha lanciato iniziative per valutare la disabilità come primo passo verso una riabilitazione di successo, basata sull'uso dell'intelligenza artificiale nel quadro della Classificazione internazionale del funzionamento, della disabilità e della salute (ICF). In un contesto di crescente incapacità lavorativa, INAMI è alla continua ricerca di strumenti a supporto del lavoro dei medici assicuratori responsabili della valutazione medica dell'incapacità lavorativa.

La via da percorrere

Le popolazioni che invecchiano e il COVID-19 richiedono cambiamenti profondi e approcci olistici alla riabilitazione. I sistemi di riabilitazione devono adattarsi alle nuove sfide e sviluppare strategie di riabilitazione post-COVID-19, in particolare nello sviluppo della sindrome lunga da COVID. Nei paesi in cui i servizi di riabilitazione sono frammentati, l'attuale crisi offre l'opportunità di riprogettare sistemi integrati incentrati sull'uomo che siano più resistenti alle future ondate di pandemia.

Molti membri dell'ISSA stanno affrontando queste sfide e stanno ripensando i servizi di riabilitazione. Basato su un approccio intersettoriale, il gruppo di lavoro speciale ISSA sulla riabilitazione affronterà il ruolo della riabilitazione per una vita attiva e una maggiore partecipazione al mercato del lavoro, promuovendo buone pratiche e supportando i membri dell'ISSA nel lavorare verso strategie di riabilitazione che affrontano le sfide e sfruttano le opportunità post-COVID-19.

Testimonianze

Echarti, M.; Schüring, E.; Kemper, G. 2017. The return on work reintegration. Geneva, International Social Security Association.

ILO. 2019. ILO Centenary Declaration for the Future of Work (108th Session of the International Labour Conference, Geneva, 21 June). Geneva, International Labour Office.

ISSA. 2019. ISSA Guidelines on Return to Work and Reintegration (Revised edition). Geneva, International Social Security Association.

ISSA. 2021. Stepping up work on rehabilitation (News and analysis). Geneva, International Social Security Association.

OECD. 2010. Sickness, disability and work: Breaking the barriers – A synthesis of findings across OECD Countries. Paris, Organisation for Economic Co-operation and Development.

UN. 2015. Transforming our world: The 2030 Agenda for Sustainable Development. New York, NY, United Nations General Assembly.

UN. 2016. “Convention on the Rights of Persons with Disabilities”, in Treaty Series, Vol. 2515, p. 3.

WHO. 2017. Rehabilitation 2030: A call for action (Meeting report). Geneva, World Health Organization.

WHO. 2020. Rehabilitation (Fact sheet). Geneva, World Health Organization.