Analisi

Affrontare le sfide occupazionali della seconda ondata di COVID-19: il caso dell'Europa

Analisi

Affrontare le sfide occupazionali della seconda ondata di COVID-19: il caso dell'Europa

In Europa, la seconda ondata di coronavirus da settembre ha indotto la reintroduzione di misure di allontanamento sociale, restrizioni all'attività economica, telelavoro, coprifuoco e blocchi. Senza certezza sulla durata della crisi sanitaria e sui suoi effetti a catena sull'economia, i governi hanno rivalutato lo stato delle prestazioni di sicurezza sociale e delle misure introdotte dall'inizio della pandemia.

Le misure per mantenere e proteggere l'occupazione sono state tra le risposte immediate quando la pandemia ha colpito nei mesi di marzo e aprile. Molte di queste risposte di emergenza erano limitate nel tempo a circa tre mesi. Quando è diventato evidente che l'impatto economico e l'incertezza sarebbero continuati più a lungo, una seconda fase della risposta alla sicurezza sociale correlata all'occupazione in giugno e luglio è consistita nella proroga temporanea e nell'adattamento delle misure di emergenza nel contesto di tassi di infezione più bassi. Tenendo conto delle considerazioni di finanziamento, alcuni paesi hanno ridotto la generosità dei benefici, indirizzandoli ai settori più colpiti e avviato accordi di transizione verso programmi di beneficienza più regolari.

Mettendo un arresto improvviso all'uscita graduale dalle misure di sostegno all'occupazione relative al COVID-19, la seconda ondata della pandemia ha richiesto ai governi di estendere ancora una volta vari schemi temporanei, generalizzarli e consentire una maggiore flessibilità e accesso. I processi amministrativi semplificati, le definizioni ampliate dei gruppi ammissibili e le aggiunte ai vantaggi esistenti sono stati tipi comuni di aggiustamenti.

Allo stesso tempo, l'orizzonte per la fine delle misure speciali di protezione dell'occupazione COVID-19 è stato notevolmente ampliato, con regimi speciali che ora dovrebbero essere gradualmente eliminati solo nel 2021.

La figura 1 di seguito mostra una sequenza temporale semplificata che illustra l'evoluzione di alcune misure speciali di protezione dell'occupazione COVID-19 in una selezione di paesi, inclusi gli aggiustamenti più importanti per ciascun programma. Basandosi sui precedenti articoli dell'International Social Security Association (ISSA) pubblicati a marzo e luglio, questo articolo esamina gli ultimi sviluppi nel contesto della seconda ondata di pandemia in ottobre e novembre, con un focus specifico sulla protezione dell'occupazione e sulle misure per i lavoratori autonomi.

Immagine 1. Cronologia della selezione delle politiche di conservazione del lavoro nel periodo COVID-19
Figure 1
Fonte: Monitoraggio misure paese ISSA Coronavirus (2020)

Misure di tutela dell'occupazione: adattamenti alla seconda ondata

Una serie di misure di sicurezza sociale sono state adottate dai paesi europei per mantenere i posti di lavoro, alleviare la crisi economica e prevenire un aumento della disoccupazione dall'inizio della crisi:

  • Lavoro a breve termine, noto anche come regime di disoccupazione parziale.
  • Licenziamenti temporanei, noti anche come schemi di licenza (come in Danimarca e nel Regno Unito).
  • Misure complementari, compresi trasferimenti di denaro di emergenza, incentivi alla formazione, sussidi aggiuntivi per alcuni settori o flessibilità riguardo a determinate norme sui benefici.

Sebbene questi schemi si siano evoluti durante il periodo di crisi, i recenti aggiustamenti come parte delle risposte alla seconda ondata possono essere classificati come segue:

  • Aumento dei livelli di indennità o supporto per i datori di lavoro, che si riferisce in particolare a tassi di sostituzione più elevati e / o sussidi più elevati.
  • Accesso più facile ai vantaggi, come procedure amministrative più brevi e allentamento delle condizioni di ammissibilità.
  • Estensione degli schemi, in particolare in termini di settori economici, tipologie di lavoratori coperti e nel tempo, con molti regimi estesi fino al 2021.
  • Supporto ai lavoratori per adattarsi a una crisi a lungo termine, comprese misure a sostegno della riqualificazione, maggiori benefici per i lavoratori che svolgono un lavoro a breve termine per un lungo periodo o il permesso di lavorare con un altro datore di lavoro durante la ricezione di benefici di lavoro a breve termine.

Alla fine di settembre, la Francia ha confermato che le disposizioni speciali per la disoccupazione parziale introdotte per la prima volta a marzo sarebbero state prorogate fino a metà 2021. La copertura è stata ampliata per includere altri tipi di lavoratori come i dipendenti con contratti di tipo pacchetto giornaliero o orario. L'accesso al programma è stato ridotto a 48 ore dopo la domanda da parte dei datori di lavoro.

Allo stesso modo, la Germania continuerà ad attuare il programma di lavoro a tempo ridotto COVID-19 con un tasso di sostituzione aumentato, dal 60% del reddito netto al 70% (77% se con un figlio), e aumentando all'80% (o 87 per cento se con un figlio) dopo il settimo mese di iscrizione al regime. Questa politica COVID-19- "Kurzarbeit" sarà in vigore fino alla fine di dicembre 2021 e si stima che preservi almeno un milione di posti di lavoro. Fino a dicembre 2020 è in vigore una disposizione che consente l'accesso a un secondo lavoro per guadagnare livelli di reddito pre-pandemia.

Anche la Spagna ha esteso il suo regime di lavoro a breve termine (Registri del regolamento sul lavoro temporaneo - ERTE) fino alla fine di gennaio 2021. I dipendenti ricevono l'indennità di disoccupazione in denaro quando sono collocati in un'ERTE che, in circostanze normali, esaurisce il diritto maturato a questa indennità in denaro. Tuttavia, come annunciato a marzo, le persone iscritte a ERTE non utilizzeranno il diritto accreditato all'indennità di disoccupazione. Invece del tasso di sostituzione che scende al 50% dal 70% dopo sei mesi, rimarrà a questo livello per tutto il periodo fino a gennaio 2021.

All'inizio di novembre, il Regno Unito ha prorogato il regime di sostegno al lavoro (meglio noto come regime di congedo) introdotto all'inizio di quest'anno fino a marzo 2021. Il sussidio per i datori di lavoro aumenterà alle nuove condizioni ei dipendenti continueranno a ricevere l'80 per cento del loro stipendio attuale (fino a 2,500 Sterline britanniche - GBP). In particolare, la flessibilità introdotta a giugno e valida fino alla fine di dicembre consente ai destinatari di lavorare a tempo parziale per il loro datore di lavoro, analogamente a quanto avviene in un programma di lavoro a tempo ridotto che non fa parte della legislazione regolare nel Regno Unito.

Come il Regno Unito, la Danimarca non ha equivalenti al modello del lavoro a tempo ridotto. Dal 9 marzo all'8 giugno è stato introdotto un regime di indennizzo salariale per il settore privato che ha consentito ai datori di lavoro di mantenere la propria forza lavoro in licenza dal 29 marzo all'2020 giugno e successivamente prorogato fino al 2021 agosto. Questo regime è stato sostituito da settembre da uno nuovo che consente la distribuzione flessibile del lavoro disponibile tra i dipendenti di un'azienda, con l'orario di lavoro ridotto compensato dall'assicurazione contro la disoccupazione, questa volta fino alla fine di dicembre XNUMX e aprile XNUMX in alcuni casi.

Un po 'in contrasto con la natura temporanea dei regimi di protezione dell'occupazione, ma riflettendo la ricezione di benefici a lungo termine e una crescente preoccupazione per il futuro di alcuni dei lavori che dovrebbero essere protetti, la formazione professionale e professionale è sempre più incentivata in Danimarca, Germania e Spagna come complemento ai programmi di protezione del lavoro e per qualificare i lavoratori per nuovi lavori. In ottobre, anche il servizio pubblico per l'impiego austriaco (AMS) ha introdotto una sovvenzione per l'ulteriore formazione professionale.

Copertura dei lavoratori autonomi: adattamenti alla seconda ondata

Alla luce dell'impatto economico della seconda ondata, nuovi benefici e adeguamenti ai programmi esistenti si sono rivelati necessari anche per i lavoratori autonomi. In generale, i tipi di misure sono equivalenti al sostegno per i dipendenti nell'ambito di programmi di mantenimento del posto di lavoro.

Il governo spagnolo ha stabilito una nuova prestazione in denaro straordinaria per i lavoratori autonomi che hanno dovuto interrompere temporaneamente il lavoro a causa della chiusura obbligatoria delle attività. Da ottobre 2020 a gennaio 2021, i lavoratori autonomi hanno diritto a ricevere il 50 per cento della base contributiva minima corrispondente al loro settore di attività. L'importo è aumentato del 20 per cento per le famiglie numerose e ridotto al 40 per cento in caso di altri membri della famiglia idonei. I contributi previdenziali sono coperti dal governo per questi mesi.

In Germania, il governo ha annunciato una prestazione straordinaria in denaro per i lavoratori autonomi e le imprese per il mese di novembre. La sovvenzione coprirà fino al 75% delle vendite previste a novembre.

Introdotto a marzo, la Francia ha fornito l'accesso a un fondo di solidarietà per i lavoratori autonomi, compresi gli artisti, e per le piccole imprese nei settori più colpiti. Inizialmente accessibile solo alle aziende con un massimo di 10 dipendenti e con ricavi inferiori a un milione di euro nell'ultimo anno fiscale, l'accesso a questo vantaggio mensile è stato esteso alle aziende con 20 e infine 50 dipendenti. Inizialmente, il vantaggio in denaro era per coloro con una perdita di reddito attesa di almeno il 70%. La soglia è stata abbassata al 50% a partire da ottobre e la copertura è stata estesa ad altre aziende interessate. Per le imprese o i lavoratori autonomi a rischio di fallimento, il fondo può integrare un ulteriore vantaggio in denaro fino a 5,000 euro (EUR).

Nel Regno Unito, il Self-Employment Income Support Scheme (SEISS) è stato esteso per fornire altri due pagamenti per coprire i periodi da novembre 2020 a gennaio 2021 (primo pagamento) e da febbraio ad aprile 2021 (secondo pagamento). Insieme alla proroga, il governo ha anche annunciato l'aumento del tasso di sostituzione, dal 40% all'80% dei profitti mensili medi.

Poiché la partecipazione a un fondo di assicurazione contro la disoccupazione è volontaria in Danimarca, il governo ha incoraggiato i lavoratori autonomi ad aderire attraverso condizioni rilassanti per accedere al sussidio. Se pagassero retroattivamente 12 mesi di quote associative e si impegnassero a rimanere come membri per altri 12 mesi, avrebbero accesso immediato all'assicurazione contro la disoccupazione.

Conclusione

L'analisi delle misure di sicurezza sociale per mantenere l'occupazione e sostenere i lavoratori autonomi così come i precedenti articoli ISSA in materia dimostrano una caratteristica unica della crisi COVID-19 che è estremamente difficile da gestire per i governi e le istituzioni di sicurezza sociale: l'incertezza.

A seguito di un'audace risposta all'emergenza durante i mesi da marzo a giugno e di una strategia di uscita graduale per misure speciali formulate e attuate con cautela durante i mesi da luglio a settembre, la seconda ondata di infezioni da COVID-19 ha richiesto la reintroduzione, la generalizzazione e l'estensione di misure di protezione dell'occupazione e sostegno speciale per i lavoratori autonomi.

Allo stesso tempo, la ricezione sempre più prolungata di benefici tipicamente a breve termine e gli sforzi per migliorare l'occupabilità in un contesto di incertezza ha portato ad adattamenti dei programmi in atto. La maggiore attenzione alla riqualificazione dei lavoratori nel lavoro a breve termine è solo un esempio di questo sviluppo.

Infine, anche se i paesi vogliono essere prima piuttosto che poi in grado di controllare l'immediata crisi sanitaria, si prevede che l'impatto della crisi sul mercato del lavoro persista. Inoltre, la ripresa economica probabilmente accelererà la tendenza verso un'economia digitale e le relative trasformazioni del mercato del lavoro. Bilanciare le preoccupazioni sulla sostenibilità finanziaria dei programmi con l'obiettivo di rispondere alle esigenze del mercato del lavoro, l'eliminazione graduale delle misure speciali e il loro passaggio a programmi regolari sarà una sfida per il 2021 e oltre.

In questo processo, è essenziale che si tenga conto degli insegnamenti positivi della risposta alla crisi per ottenere un rafforzamento a lungo termine della copertura dei lavoratori autonomi, il sostegno ai lavoratori atipici e un migliore coordinamento dei diversi schemi.

References

Becker, U., He L., Hohnerlein, E., Seemann A., & Wilman, N. (2020). Protecting Livelihoods in the COVID-19 Crisis: Legal Comparison of Measures to Maintain Employment, the Economy and Social Protection. Max Planck Institute for Social Law and Social Policy.

Bundesregierung Deutschland. (2020). Erleichterter Zugang zur Kurzarbeit wird verlängert. Coronavirus in Deutschland. https://www.bundesregierung.de/breg-de/themen/coronavirus/verlaengerung-kurzarbeitergeld-1774190

Cahuc, P., Kramarz, F., & Nevoux, S. (2018). When short-time work works. VOX EU. https://voxeu.org/article/when-short-time-work-works

Dias da Silva, A., Dossche, M., Dreher, F., Foroni, C., & Koester, G. (2020). Short-time work schemes and their effects on wages and disposable income. European Central Bank Economic Bulletin, 4/2020. https://www.ecb.europa.eu/pub/economic-bulletin/focus/2020/html/ecb.ebbox202004_06~6b0e718192.en.html

European Data Portal. (2020). Changes in the Labour Market. https://www.europeandataportal.eu/en/impact-studies/covid-19/changes-labour-market

Giupponi, G. & Landais, C. (2020). Building effective short-time work schemes for the COVID-19 crisis. VOX-EU. https://voxeu.org/article/building-effective-short-time-work-schemes-covid-19-crisis

International Labour Organization. (2020). ILO Monitor: COVID-19 and the world of work. (6th Edition). https://www.ilo.org/wcmsp5/groups/public/@dgreports/@dcomm/documents/briefingnote/wcms_755910.pdf

Ministerio de Inclusión, Seguridad Social y Migraciones. (2020). El Gobierno aprueba la extensión de los beneficios de los ERTE hasta el 31 de enero, tras el acuerdo con los agentes sociales. Gobierno de España. https://revista.seg-social.es/2020/09/29/el-gobierno-aprueba-la-extension-de-los-beneficios-de-los-erte-hasta-el-31-de-enero-tras-el-acuerdo-con-los-agentes-sociales/

Unions de Recouvrement des Cotisations de Sécurité Sociale et d'Allocations Familiales (URSSAF). (2020). Activité partielle: nouveau dispositif suite au Covid-19. https://www.urssaf.fr/portail/home/actualites/toute-lactualite-employeur/activite-partielle--nouveau-disp.html

Wirtschaftskammer Österreich (WKO). (2020). Corona-Kurzarbeit ab 1.10.2020. https://www.wko.at/service/corona-kurzarbeit.html