Istruzione e cultura nella sicurezza sociale: buone pratiche in America Latina

Istruzione e cultura nella sicurezza sociale: buone pratiche in America Latina

La mancanza di protezione sociale è, in molti paesi, legata alla mancanza di informazioni. Quando hanno una consapevolezza insufficiente dei loro diritti e responsabilità, i lavoratori e le loro famiglie non possono comprendere l'importanza o la portata della protezione sociale. È quindi necessario educare le persone alla sicurezza sociale al fine di promuovere il loro accesso ai benefici, la loro autonomia e la loro responsabilizzazione.

L'educazione alla sicurezza sociale porta alla creazione di cultura, una maggiore consapevolezza dei diritti e delle responsabilità della società e dei concetti di base, portando a una maggiore fiducia nelle istituzioni di sicurezza sociale.
 
Tale educazione deve incorporare anche elementi di alfabetizzazione finanziaria, in particolare nei paesi che hanno attuato riforme che offrono maggiore autonomia e responsabilità nella gestione dei fondi, al fine di semplificare l'individuazione di opzioni adeguate.

Secondo l'Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO), la sicurezza sociale, in quanto protezione che una società offre ai suoi individui e alle sue famiglie, dovrebbe essere nota a tutti in quanto è un diritto umano, sociale e fondamentale di cui tutti gli individui hanno diritto e che garantisce condizioni di vita dignitose (ILO, 2009).

Sebbene la creazione di cultura non rientri nei mandati della maggior parte delle istituzioni di sicurezza sociale nelle Americhe, queste istituzioni stanno sviluppando sempre più iniziative - che vanno da progetti mirati a sofisticati programmi educativi - per promuovere la sicurezza sociale e fornire istruzione in materia.

Queste azioni, mostrate nella tabella 1, possono essere classificate lungo una serie di linee diverse in base a: il loro gruppo target, il tipo di regime di sicurezza sociale o servizio a cui si riferiscono o come vengono implementate, sia di persona che a distanza.

Le "dimensioni" e le "categorie" elencate non si escludono a vicenda. Piuttosto il contrario. Un programma di educazione alla sicurezza sociale potrebbe comprendere una serie di iniziative di più di una categoria e una singola iniziativa potrebbe appartenere a più di una categoria all'interno della stessa dimensione. In effetti, una strategia educativa che incorpora diverse dimensioni e categorie tende ad essere più efficace.

Tabella 1. Dimensioni e categorie dell'educazione alla sicurezza sociale.
Educazione alla sicurezza sociale
Dimensioni Categoria Descrizione
gruppo target Generale Destinato ad informare il pubblico in generale; iniziative di sensibilizzazione e diffusione dei concetti base
Specifica Rivolto a specifici gruppi di popolazione, ad esempio per età o ramo di attività.
Regime o servizio di sicurezza sociale Pensioni, disoccupazione e assegni familiari Incentrato sulla sensibilizzazione dei membri e dei beneficiari sui loro diritti e responsabilità
Prevenzione dei rischi Destinato a promuovere la conoscenza di come prevenire malattie e rischi e, ove questi si siano verificati, dei propri diritti e responsabilità associati, compresa l'assistenza medica se del caso
Salute e benessere Focalizzata soprattutto sulla prevenzione e sulla consapevolezza dei propri diritti in termini di accesso alle cure sanitarie
Forma di attuazione Di persona Enfasi sul contatto faccia a faccia, di persona
Assistenza Enfasi sull'accesso digitale

Le Linee guida ISSA sulla comunicazione da parte delle amministrazioni della previdenza sociale fornisce un quadro generale per la buona governance e la gestione sistematica delle pratiche di comunicazione (ISSA, 2016). Il Linee guida ISSA sulla tecnologia dell'informazione e della comunicazione (ISSA, 2019a), il Linee guida ISSA sulla qualità del servizio (ISSA, 2019b) e il Linee guida ISSA sulla prevenzione dei rischi professionali (ISSA, 2019c), tra gli altri, supportano anche l'implementazione di programmi di istruzione e creazione di cultura.

Esperienze di attuazione di iniziative educative e di creazione di cultura nel campo della sicurezza sociale

Le buone pratiche presentate nell'ambito del concorso ISSA Good Practice Award for the Americas 2020, insieme ad altre attività ISSA, mostrano chiaramente che le istituzioni di sicurezza sociale sono impegnate nell'attuazione di iniziative legate all'istruzione e alla cultura. Di seguito si riporta una selezione di diverse esperienze, presentate dalle istituzioni aderenti.

Cile

Cile di Mutuo per la sicurezza (sicurezza reciproca – CChC) ha sviluppato iniziative specifiche volte a creare una cultura della sicurezza sociale, sia in ambito di genere sia per lo sviluppo di competenze di prevenzione dei rischi critici, utilizzando metodologie orientate all'apprendimento degli adulti (CChC, 2020a). Questi sono dettagliati nella tabella 2.

Lo sviluppo delle capacità di prevenzione dei rischi critici si è basato su una strategia di formazione pratica, attraverso l'istituzione di un centro di formazione sui rischi critici. Il suo obiettivo era quello di affrontare i rischi tra cui; cadere dall'alto, lavorare con l'elettricità, lavorare in spazi ristretti e utilizzare macchinari e veicoli, raggiungendo diversi gruppi di lavoratori in tutto il paese.

La formazione pratica mira a ricreare le condizioni di lavoro, contenendo l'esposizione ai suddetti rischi critici. Sono state introdotte due unità mobili, adattate con attrezzature e tecnologie all'avanguardia per massimizzare la sicurezza sia dei formatori che dei tirocinanti durante le sessioni di apprendimento esperienziale. Ogni unità è abbastanza grande da contenere due scarpe da ginnastica e tutti i materiali necessari.

Le unità hanno visitato 16 regioni cilene (percorrendo una distanza totale di 4,300 km) e hanno formato circa 4,000 persone nel corso di un anno, senza incidenti durante la formazione.

In termini di formazione in materia di salute e sicurezza sul lavoro, la pandemia di COVID-19 ha spinto alla digitalizzazione dei processi formativi, passando da una strategia faccia a faccia verso un formato interamente online. Ciò ha mantenuto la continuità formativa per i lavoratori affiliati che valutavano di intraprendere un'attività a rischio critico.

È stato messo in atto un ciclo di apprendimento sulla salute e sicurezza sul lavoro, che incorpora nuove metodologie di formazione e tecnologie legate all'apprendimento. Questi andavano da corsi virtuali e video di microlearning per rafforzare i contenuti fino ad esercizi pratici basati su tecniche di realtà aumentata (CChC, 2020b).

Tabella 2. Esperienze in Cile.
Istituzione iniziativa gruppo target Schema o servizio Forma di attuazione
Mutuo per la sicurezza (SCW) Formazione in materia di sicurezza e salute sul lavoro in tempi di COVID-19 Specifica Salute e benessere Assistenza
Centri di formazione mobile sui rischi critici Specifica Salute e benessere Di persona

Costa Rica

In Costa Rica, diverse istituzioni hanno sviluppato iniziative di educazione alla sicurezza sociale, come indicato nella tabella 3. Nel 2017, la Fondo di previdenza sociale del Costa Rica (Casella di sicurezza sociale del Costa Rica – CCSS) ha organizzato una tavola rotonda su pensioni, indennità di invalidità e indennità di morte. È stata presa la decisione di includere la sicurezza sociale nei programmi di istruzione pubblica al fine di favorire la comprensione dei diritti e delle responsabilità. Nel 2020, l'organizzazione ha anche lanciato un laboratorio estivo per bambini intitolato "La pensione di Tito" ("La pensione di Tito") per spiegare l'importanza del risparmio per la pensione (CCSS, 2020a).

Il CCSS ha anche implementato un'iniziativa sanitaria, con le farmacie, che prevedeva l'utilizzo dei codici QR come un modo innovativo per raggiungere diversi gruppi di pazienti. Questo è stato utilizzato per promuovere la compliance terapeutica, fornire informazioni sull'uso corretto dei farmaci e quindi migliorare l'aderenza al trattamento (CCSS, 2020b).

Da parte loro, nel 2013 il sindacati dell'istruzione firmato il primo contratto collettivo tra due sindacati (ed eventualmente altri due) e il Ministero della pubblica istruzione (Ministero della Pubblica Istruzione – eurodeputato). Ciò ha impegnato l'eurodeputato a incorporare contenuti, valori e strategie di sicurezza sociale nei suoi programmi di educazione civica (MEP, 2020a). È stata lanciata la Social Security Week e sono stati offerti corsi di formazione per insegnanti nel campo della sicurezza sociale (MEP, 2020b).

Il contenuto del programma variava in base all'età del gruppo target. Per le classi del primo ciclo (bambini dai 7 ai 10 anni) sono stati ideati spettacoli di burattini e sociodramma. Nel secondo ciclo (dai 10 ai 12 anni) si sono tenuti laboratori di lettura e tavole rotonde. Mentre i giovani del terzo ciclo e dell'istruzione diversificata (rispettivamente dai 12 ai 15 e dai 15 ai 18 anni) hanno lavorato su letture nazionali e internazionali, origine, caratteristiche, importanza della previdenza sociale e aspetti normativi.

Inoltre, l' Pensione e pensione del sindacato nazionale degli insegnanti (Consiglio di Pensione e Pensionamento del Magistero Nazionale – JUPEMA) ha lanciato un programma di sensibilizzazione degli alunni al fine di sviluppare adulti più consapevoli (JUPEMA 2020). Questo si basava sulla premessa che gli scolari di oggi saranno un giorno responsabili della cura degli anziani, quindi è fondamentale che comprendano i diritti e le esigenze di questo gruppo.

Il programma era rivolto agli alunni del primo e del secondo ciclo ed erogato da volontari pensionati. Sono stati istituiti trenta centri, attraverso i quali circa 2,000 bambini sono stati formati dai 116 volontari pensionati che hanno aderito all'iniziativa.

Tabella 3. Esperienze in Costarica.
Istituzione iniziativa gruppo target Schema o servizio Forma di attuazione
Fondo di previdenza sociale del Costa Rica (CCSS) Tavola rotonda su pensioni, indennità di invalidità e indennità di morte Generale e specifico Assicurazione sociale Di persona
Virtualizzazione dei codici QR nell'educazione del paziente Specifica Salute e benessere Assistenza
Sindacati dell'istruzione e Ministero della Pubblica Istruzione (MEP) Incorporazione di contenuti, valori e strategie di sicurezza sociale nei programmi di educazione civica; Creazione della settimana della sicurezza sociale Generale e specifico Assicurazione sociale Di persona
Pensione e pensione del sindacato nazionale degli insegnanti (JUPEMA) Programmi di sensibilizzazione degli alunni Specifica Assicurazione sociale Di persona

Messico

Le Istituto messicano di previdenza sociale (Istituto messicano di previdenza sociale – IMSS) ha sviluppato una piattaforma di formazione online (CLIMSS) per fornire educazione sanitaria ai suoi beneficiari e al pubblico in generale (IMSS, 2020), come dettagliato nella Tabella 4.

La piattaforma è stata progettata per diffondere la conoscenza che migliorerebbe la salute della popolazione. Sulla base del fatto che maggiore è l'alfabetizzazione sanitaria di una popolazione, migliori sono i risultati o le condizioni di salute, la sfida è stata quella di mettere in atto un pacchetto di misure di formazione e promozione della salute che avessero un impatto positivo sulla qualità della vita individuale e collettiva.

Il lancio di questo strumento ha risposto all'esigenza di fornire informazioni tecniche, pratiche, affidabili, selezionate strategicamente e specialistiche attraverso una piattaforma user friendly e intuitiva. Sono stati ideati corsi basati sulle competenze, attingendo ai principi dell'apprendimento degli adulti e utilizzando la ludicizzazione come strategia di motivazione e fidelizzazione.

La piattaforma si proponeva di raggiungere l'obiettivo di un milione di utenti registrati e ha raggiunto cinque volte questa cifra. Per quanto riguarda la qualità del corso, i partecipanti hanno assegnato ai corsi COVID-19 un punteggio di qualità di 9.3 e alle altre opzioni un punteggio di 9.4.

 

Tabella 4. Esperienze in Messico.
Istituzione iniziativa gruppo target Schema o servizio Forma di attuazione
Istituto messicano di sicurezza sociale (IMSS) Alfabetizzazione sanitaria. Piattaforma IMSS Massive Corsi Online (CLIMSS) Generale e specifico Salute e benessere Assistenza

Repubblica Dominicana

Nella Repubblica Dominicana, il Sovrintendenza alle pensioni (Sovrintendenza alle pensioni – SIPEN) ha elaborato una road map per promuovere l'educazione alla pensione attraverso una serie di progetti e iniziative, come sintetizzato nella tabella 5. L'obiettivo era fornire informazioni tempestive e accurate sul sistema pensionistico dominicano (Sistema pensionistico dominicano – SDP) ai vari segmenti della società, per sensibilizzare sui diritti e le responsabilità degli iscritti e dei beneficiari, e per promuovere l'inclusione delle problematiche legate alla sicurezza sociale nel sistema educativo nazionale (SIPEN, 2020).

Una serie di indagini sui cittadini effettuate nel 2014 e nel 2015 ha evidenziato una generale mancanza di consapevolezza dei diritti e delle responsabilità, nonché del funzionamento dell'SDP. Solo il 28% degli intervistati potrebbe dire cosa ha fatto un amministratore di un fondo pensione e solo l'11% era a conoscenza delle prestazioni di invalidità o vecchiaia.

Tre su dieci degli intervistati non sapevano e non potevano stimare il valore della loro pensione. Circa il 23 per cento pensava che la loro pensione avrebbe pagato più della metà del loro stipendio.

Questi risultati hanno portato all'inserimento di una road map strategica per l'offerta di formazione in materia di pensioni nel piano strategico del paese.

La road map comprendeva una serie di iniziative: la creazione di un portale web e di una scuola di educazione previdenziale e l'inclusione delle questioni relative alle pensioni nel sistema educativo.

È stato messo in atto un piano di comunicazione; risorse informative, didattiche e accademiche sono state create, stampate e distribuite ai diversi gruppi target. Sono state organizzate conferenze e workshop per sindacati, associazioni professionali e altre organizzazioni non governative del settore privato, nonché per università e altri enti educativi.

Tra il 2016 e il 2020, come diretta conseguenza di queste azioni, si sono svolti 89 seminari e talk, con più di 3,700 partecipanti; 1,348 persone si sono diplomate alla scuola pensionistica; e l'iniziativa ha raggiunto un indice di soddisfazione del 97.68 per cento.

Tabella 5. Esperienze nella Repubblica Dominicana.
Istituzione iniziativa gruppo target Schema o servizio Forma di attuazione
Soprintendenza alle pensioni (SIPEN) Road map per promuovere l'educazione alla pensione Generale e specifico Assicurazione sociale Di persona e da remoto

Uruguay

uruguay di Banca delle assicurazioni sociali (Banca di previdenza sociale – BPS) ha sviluppato un pacchetto di iniziative di educazione alla sicurezza sociale come parte della sua strategia istituzionale per promuovere una cultura della sicurezza sociale, come mostrato nella Tabella 6 (BPS, 2020).

Il BPS ha stabilito che era necessario un approccio su misura per ciascun gruppo target. A tal fine, ha avviato iniziative a più livelli: programmi educativi, campagne di sensibilizzazione generale, formazione dei funzionari pubblici, rafforzamento della governance e interazione con la società nel suo insieme.

La promozione della capacità dei cittadini di esercitare i propri diritti è stata sviluppata attraverso la fornitura di conoscenze, la sensibilizzazione alle responsabilità legate a tali diritti, l'incoraggiamento di un atteggiamento critico e partecipativo e lo sviluppo di una comprensione sociale del sistema di sicurezza sociale.

Il BPS lavora su iniziative di educazione formale e informale dal 2007. La strategia adottata nell'educazione formale consiste nell'includere l'argomento nel curricolo a diversi livelli. Nel tempo i materiali si sono evoluti e ampliati, partendo dai corsi del quarto anno (bambini di 10 anni) e filtrando via via ad altri gruppi di anni, arrivando infine anche al curriculum dei primi anni (bambini di 4 anni). In quest'ultimo caso, l'attenzione si è concentrata su concetti come solidarietà e riconoscimento delle persone anziane. Sono stati sviluppati anche contenuti per gli adulti che rientrano nel sistema educativo.

Tabella 6. Esperienze in Uruguay.
Istituzione iniziativa gruppo target Schema o servizio Forma di attuazione
Banca delle assicurazioni sociali (BPS) Comprendere i tuoi diritti e le tue responsabilità Generale e specifico Assicurazione sociale Di persona

Esperienze di altri paesi

Oltre alle iniziative sopra descritte, anche altri paesi dell'America Latina hanno esperienze di promozione dell'educazione e della cultura in materia di sicurezza sociale.

Per molti anni, ArgentinaIl Segretariato per la sicurezza sociale, in collaborazione con l'UNICEF, ha lanciato il suo "Programma per una cultura della sicurezza sociale" (Programma per una cultura della sicurezza sociale), che si basava principalmente su una campagna rivolta ai bambini. Ciò ha coinvolto una compagnia teatrale itinerante che ha eseguito uno spettacolo interattivo intitolato "Super Social Security Mission" (Super Missione Previdenza Sociale) nelle scuole e nei teatri di tutto il paese per sottolineare l'importanza della sicurezza sociale e dei principi di uguaglianza e solidarietà. I materiali didattici sono stati forniti tramite un sito web dedicato per accompagnare lo spettacolo (MTEySS, 2013).

In Colombia, i Ministeri della Salute e dell'Istruzione Nazionale e l'Instituto Colombiano de Bienestar Familiar, un ente statale che lavora per migliorare il benessere delle famiglie, hanno collaborato a un progetto per promuovere una cultura della salute sul lavoro nelle scuole per sensibilizzare gli alunni e i loro famiglie.

Analogamente, Paraguay ha lanciato un'iniziativa per includere la sicurezza sociale come opzione nel suo curriculum di scuola superiore. Questa iniziativa, sostenuta dall'Istituto di previdenza sociale del paese (Istituto di previdenza sociale – IPS), mirava a fornire agli alunni una conoscenza di base dei diritti e delle responsabilità in materia di sicurezza sociale.

Fattori critici per lo sviluppo di iniziative nel campo dell'educazione e della cultura della sicurezza sociale

Questa sezione riassume i principali fattori identificati come critici per il successo dello sviluppo di iniziative nel campo dell'educazione e della cultura della sicurezza sociale. Questi fattori, presenti in tutte le buone pratiche sopra citate, comprendono:

Supporto da parte dell'alta direzione: Questo è uno dei più importanti fattori abilitanti per lo sviluppo di qualsiasi iniziativa educativa. Tali iniziative dovrebbero essere estese e durare più a lungo di una singola amministrazione. L'educazione alla sicurezza sociale è un processo graduale, quindi è fondamentale che venga stanziato un budget specifico per questo scopo.

Sviluppo di una strategia: La progettazione di una strategia implica la chiarezza sull'obiettivo finale, la definizione degli obiettivi e il monitoraggio periodico dei progressi della strategia. Un fattore determinante nella strategia è l'identificazione dei vari gruppi target e delle loro caratteristiche distintive e la generazione di iniziative su misura per ciascuno di questi gruppi target.

Il successo di tali iniziative dipende anche dal coinvolgimento di specialisti nel processo di formazione, ad esempio persone con esperienza in materia e fornitori di tecnologie all'avanguardia.

Creare collegamenti strategici: Sono generalmente richiesti collegamenti con altri enti pubblici (sia a livello nazionale che giurisdizionale), come ministeri e consigli per l'istruzione, nonché con altre organizzazioni con interessi simili e/o parti interessate private che possono aiutare a implementare iniziative sofisticate.

Conclusioni

Un problema individuato è che alcuni segmenti della popolazione hanno poca o nessuna comprensione della sicurezza sociale, come diritto umano e meccanismo di protezione a cui dovrebbero e potrebbero avere accesso secondo le diverse modalità esistenti nel paese. In generale, i gruppi con meno conoscenza sono quelli più vulnerabili e con maggiori probabilità di trovarsi non protetti.

Sta diventando sempre più importante per i cittadini conoscere la sicurezza sociale e come è rilevante per loro. È fondamentale che le persone comprendano che la sicurezza sociale può avere un profondo impatto su tutti i settori della società. Grazie al sistema di previdenza sociale, i lavoratori e le loro famiglie possono accedere alle cure mediche e ottenere protezione contro la perdita di reddito, sia per brevi periodi di disoccupazione, maternità o malattia, sia per periodi più lunghi derivanti da infortunio sul lavoro o invalidità. Dovrebbero anche capire che la sicurezza sociale è il motivo per cui gli anziani continuano a percepire un reddito e perché i bambini ei giovani possono beneficiare di programmi specifici.

Quando si parla di promuovere una “cultura della sicurezza sociale”, questo significa sensibilizzare l'opinione pubblica sui valori e sui principi che sono alla base di tale cultura e mettere a disposizione di tutti, indipendentemente dall'età o dalla situazione economica, strumenti informativi tempestivi e accessibili.

L'obiettivo è che le persone vedano, comprendano e sentano la loro realtà e, di conseguenza, prendano coscienza dei temi della prevenzione e del benessere. A tal fine, i centri educativi devono essere trasformati in luoghi di responsabilizzazione per studenti, insegnanti e altri membri della comunità educativa, in modo che tutti comprendano i propri diritti e responsabilità e possano quindi esercitare la propria cittadinanza.

L'obiettivo finale è migliorare la qualità della vita delle generazioni presenti e future, facilitare lo sviluppo degli individui affinché diventino più consapevoli del loro ruolo nel garantire la propria sicurezza e stabilità e il loro maggior contributo alla società in cui vivono.

L'istruzione è essenziale se vogliamo rendere il diritto umano alla sicurezza sociale una realtà per tutti.

Riferimenti

BPS. 2020. Conoce tus derechos y obligaciones (ISSA webinar). Geneva, International Social Security Association.

CChC. 2020a. Mobile critical risk training centres (Good practices in social security). Geneva, International Social Security Association.

CChC. 2020b. Occupational safety and health training in times of COVID-19: Digital transformation in training processes (Good practices in social security). Geneva, International Social Security Association.

CCSS. 2020a. Mesa de diálogo sobre Pensión Invalidez y Muerte (ISSA webinar). Geneva, International Social Security Association.

CCSS. 2020b. Use of QR codes in patient education (Good practices in social security). Geneva, International Social Security Association.

ILO. 2009. Social Protection Education (Report). Gineva, Internacional Labour Office.

IMSS. 2020. IMSS Massive Online Courses Platform (CLIMSS): Health literacy (Good practices in social security). Geneva, International Social Security Association.

ISSA. 2016. ISSA Guidelines on communication by social security administrations. Geneva, International Social Security Association.

ISSA. 2019a. ISSA Guidelines on information and communication technology (Revised and extended edition). Geneva, International Social Security Association.

ISSA. 2019b. ISSA Guidelines on service quality (Revised edition). Geneva, International Social Security Association.

ISSA. 2019c. ISSA Guidelines on prevention of occupational risks (Extended edition). Geneva, International Social Security Association.

JUPEMA. 2020. Programa de sensibilización de estudiantes (ISSA webinar). Geneva, International Social Security Association.

MEP. 2020a. Incorporación de contenidos programáticos sobre valores y estrategias en los que se fundamenta la seguridad social (ISSA webinar). Geneva, International Social Security Association.

MEP. 2020b. Creación de la semana de la seguridad social (ISSA webinar). Geneva, International Social Security Association.

MTEySS. 2013. Se presenta el “Programa para una Cultura de la Seguridad Social“. Buenos Aires, Ministry of Labor, Employment and Social Security.

SIPEN. 2020. Road map to promote pension education: Projects and initiatives (Good practices in social security). Geneva, International Social Security Association.