Analisi

Oltre COVID-19: verso sistemi di protezione sociale inclusivi e resilienti

Analisi

Oltre COVID-19: verso sistemi di protezione sociale inclusivi e resilienti

I sistemi di protezione sociale sono stati uno degli strumenti più efficaci per mitigare l'impatto sociale, economico e sulla salute della crisi COVID-19. I governi di tutto il mondo si sono mossi rapidamente per estendere e adattare i programmi esistenti e creare nuovi benefici per proteggere l'occupazione, prevenire la povertà e facilitare le restrizioni legate alla salute. Gli istituti di previdenza sociale hanno innovato per rispondere rapidamente alle richieste dei governi e del pubblico e hanno fornito vantaggi esistenti e nuovi in ​​un contesto difficile e senza precedenti.

Poiché i programmi di vaccinazione vengono lanciati in un numero crescente di paesi in tutto il mondo, c'è una speranza crescente di uscire finalmente da una crisi che colpisce il mondo da più di 12 mesi. Allo stesso tempo, le discussioni su quale tipo di ripresa il mondo dovrebbe mirare stanno prendendo velocità.

In considerazione dell'importanza globale della protezione sociale durante la crisi, ma anche delle forti lacune di protezione e delle crescenti disuguaglianze che sono emerse, la costruzione di sistemi di protezione sociale inclusivi e resilienti per tutti dovrebbe essere una componente importante delle strategie di ripresa.

In questo contesto, questo articolo esaminerà gli insegnamenti chiave della crisi COVID-19 e metterà in evidenza le strategie per il futuro della protezione sociale. L'articolo si basa su un documento preparato congiuntamente dall'International Social Security Association (ISSA), dall'Organizzazione internazionale del lavoro (ILO) e dall'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) come contributo alle discussioni del G20 Employment Working Gruppo.

Risposta della protezione sociale a COVID-19: una revisione

I sistemi di protezione sociale sono stati uno dei principali strumenti per stabilizzare l'economia, proteggere l'occupazione, prevenire la povertà diffusa e facilitare l'attuazione di misure di protezione della salute. Revisione delle oltre 1,600 misure di protezione sociale in 206 paesi e territori inclusi nel Monitoraggio delle misure nazionali dell'ISSA, è possibile identificare i seguenti approcci principali:

  • fornitura dell'accesso all'assistenza sanitaria, inclusi test e cure;
  • estensione della copertura delle prestazioni di malattia e assenze per malattia retribuite;
  • estensione della copertura / durata della protezione contro la disoccupazione;
  • creare / estendere la copertura e aumentare la generosità dei sussidi di mantenimento dell'occupazione (indennità di lavoro a breve termine, indennità di disoccupazione parziale, sussidi salariali temporanei);
  • ridurre gli obblighi contributivi, compreso il differimento e l'esenzione dei contributi previdenziali;
  • fornire assistenza sociale / reddito minimo garantito;
  • estendere i benefici legati alla famiglia, come i voucher per l'assistenza all'infanzia.

In termini di copertura della popolazione, molti programmi sono stati estesi al lavoratore autonomo, sono state prese misure speciali per gruppi vulnerabili e lavoratori nell'economia informale, e sono stati compiuti sforzi per raggiungere i lavoratori anche in nuovi tipi di lavoro come i lavoratori delle piattaforme e dei giganti.

L'impatto di queste misure politiche si è basato sulla loro effettiva attuazione da parte delle istituzioni di sicurezza sociale. Innovazione, agilità e adattamento sono stati gli ingredienti chiave per business continuity e soddisfare le nuove esigenze negli ultimi mesi, così come l'adozione di strumenti e tecnologie digitali. I principali fattori di successo includevano:

  • leadership efficace per una rapida trasformazione istituzionale;
  • adozione accelerata delle tecnologie digitali nei processi di back-office e nell'erogazione dei servizi;
  • trasformazione dei metodi di lavoro e degli approcci alle risorse umane in un contesto di telelavoro, rischi per la salute e allontanamento sociale;
  • flessibilità amministrativa e partnership con enti pubblici e privati.

Nonostante gli enormi sforzi dei responsabili politici e delle istituzioni di sicurezza sociale, la crisi ha anche evidenziato le lacune esistenti nei sistemi di protezione sociale in ogni paese. Molte misure temporanee sono state messe in atto per colmare queste lacune durante la crisi, ma queste patch a breve termine richiedono soluzioni a più lungo termine. Mentre le lezioni apprese e le esperienze nel raggiungere l'economia informale, i lavoratori autonomi o giganti durante la crisi saranno preziose a questo riguardo, la soluzione non può essere semplicemente estendere le misure temporanee per gli anni a venire. Invece, le soluzioni a più lungo termine devono rispondere alle continue esigenze di diversi gruppi, fornire finanziamenti sostenibili e investimenti adeguati nelle capacità per fornirli.

Rafforzare le misure di protezione sociale per il futuro

Il documento congiunto ISSA / ILO / OECD propone quattro percorsi per costruire sistemi di protezione sociale forti e resilienti per tutti in futuro, contribuendo così a una ripresa inclusiva.

a) Garantire la copertura universale, compresi i lavoratori in tutti i tipi di occupazione

In linea con la visione della copertura universale e dei livelli di protezione sociale, i sistemi di protezione sociale devono essere rafforzati e adattati per coprire adeguatamente i lavoratori in tutte le forme di occupazione, compresi i lavoratori dell'economia informale, i lavoratori autonomi e i lavoratori in nuovi tipi di lavoro . I regimi contributivi di assicurazione sociale sono lo strumento principale per raggiungere questo obiettivo, ma dovranno essere integrati da regimi finanziati dalle tasse, se necessario, per ottenere un mix di finanziamento sostenibile ed equo.

Gli sforzi per estendere l'assicurazione sociale sono anche un mezzo verso l'obiettivo di promuovere le transizioni dall'economia informale a quella formale. I divari di protezione sociale sono più visibili per i lavoratori autonomi e per i lavoratori dell'economia informale, e questi lavoratori sono stati anche i più colpiti dall'impatto economico della pandemia COVID-19. La formalizzazione dell'occupazione è un fattore essenziale per il raggiungimento della protezione sociale per tutti.

b) Garantire benefici e servizi adeguati che rispondano ai bisogni delle persone

I sistemi di protezione sociale devono evolversi costantemente per garantire che forniscano in modo efficace i benefici ei servizi di cui gli individui e le famiglie hanno bisogno per gestire i rischi nel mondo di oggi e di domani. Ciò include il sostegno alla resilienza nell'affrontare shock economici e di altro tipo inaspettati, garantire un sostegno al reddito accessibile per tutti, servizi sociali efficienti di alta qualità e una forte componente delle politiche attive del mercato del lavoro e dello sviluppo delle competenze.

c) Garantire la sostenibilità e l'equità nel finanziamento dei sistemi di protezione sociale basati sui diritti

Le considerazioni sul finanziamento sostenibile devono essere al centro delle strategie per rafforzare la protezione sociale per il futuro. La spesa anticiclica durante la crisi ha portato a maggiori pressioni fiscali. Allo stesso tempo, il riconoscimento della protezione sociale come investimento in capitale umano, stabilità economica, coesione sociale e benessere individuale richiede un impegno a un sostegno anticiclico continuo finché sarà necessario. Tuttavia, allo stesso tempo, è necessario compiere sforzi per garantire la coerenza tra la spesa sociale e le entrate per finanziare queste spese e per identificare strategie per colmare le lacune di finanziamento.

d) Migliorare la capacità di fornitura per la continuità aziendale e una maggiore resilienza

Sottolineato specificamente dall'ISSA, il rafforzamento della protezione sociale per una ripresa inclusiva si basa sul miglioramento della capacità di fornitura per la continuità dei servizi di sicurezza sociale e una maggiore resilienza. Lo sviluppo di un'adeguata capacità istituzionale è una condizione preliminare per sistemi di protezione sociale efficaci che raggiungano tutte le fasce della popolazione e una risorsa strategica per la resilienza nazionale in tempi di crisi.

La digitalizzazione dei canali di erogazione della protezione sociale e miglioramento umano e digitale le capacità del personale saranno senza dubbio fattori importanti. Il rafforzamento della capacità amministrativa nazionale attraverso il coordinamento interistituzionale sistematico e le partnership costituirà un altro pilastro, e in particolare per sostenere la formalizzazione, l'estensione della copertura ai lavoratori autonomi e ai lavoratori in nuove tipologie di lavoro. I sistemi informativi completi delle istituzioni che coprono un ampio spettro di gruppi di popolazione (ad esempio lavoratori, famiglie, datori di lavoro, pensionati, ecc.), L'uso di sistemi di pagamento innovativi e diversi canali di fornitura di servizi costituiscono risorse chiave per supportare l'attuazione di programmi di protezione sociale su così vasta scala .

In breve, ciò richiede ulteriori investimenti nella capacità delle istituzioni di sicurezza sociale, che sono tra i più avanzati enti di fornitura di servizi pubblici e sono stati strumentali per fornire risposte nazionali alle crisi su larga scala, spesso oltre il loro mandato originale. Beneficiando del dialogo sociale istituzionalizzato come parte dei loro consigli, il rafforzamento della loro capacità operativa può essere una risorsa chiave per sostenere l'espansione della protezione sociale a livello nazionale, facilitando la copertura contributiva, fornendo benefici non contributivi e migliorando la resilienza nazionale.

Conclusione

Mentre il dibattito globale sulla ripresa dopo la crisi del COVID-19 prende velocità, il ruolo chiave della protezione sociale e le lacune di protezione esposte durante la crisi richiedono di lavorare per rafforzare la protezione sociale per il futuro.

Le strategie per una ripresa inclusiva basata sul rafforzamento della sicurezza sociale dovranno includere una serie di componenti, compresa la garanzia di copertura per i lavoratori in tutti i tipi di occupazione, in particolare i lavoratori autonomi, in evoluzione dei benefici e dei servizi per soddisfare le esigenze delle persone, finanziamenti sostenibili e investimenti adeguati in capacità di erogazione istituzionale. Rafforzare la capacità delle istituzioni di sicurezza sociale, in particolare, sarebbe un prerequisito per sviluppare la capacità del paese, in particolare per attuare e fornire programmi sociali ad alto impatto a livello nazionale, facilitare l'estensione dell'assicurazione sociale, sostenere la formalizzazione e, in ultima analisi, rafforzare la resilienza nazionale.

Dopo aver contribuito a un documento congiunto ISSA / ILO / OCSE che funge da input per il gruppo di lavoro sull'occupazione del G20, l'ISSA continuerà a mostrare il ruolo chiave svolto dalle istituzioni di sicurezza sociale nell'assicurare sistemi di protezione sociale efficaci e sottolineare la necessità della continua necessità investire adeguatamente nello sviluppo e nel mantenimento delle capacità istituzionali.

Referenze

G20. 2019. Shaping a human-centered future of work: Ministerial Declaration (G20 Labour and Employment Ministers’ Meeting 2019, Matsuyama, 2 September). Matsuyama.

G20. 2020. Ministerial Declaration (G20 Labour and Employment Ministers’ Virtual Meeting, Riyadh, 10 September). Riyadh.

ILO. 2020a. Social protection responses to the COVID-19 pandemic in developing countries: Strengthening resilience by building universal social protection (Social Protection Spotlight). Geneva, International Labour Office.

ILO. 2020b. Extending social protection to informal workers in the COVID-19 crisis: Country responses and policy considerations (Social Protection Spotlight). Geneva, International Labour Office.

ILO. 2020c. Financing gaps in social protection: Global estimates and strategies for developing countries in light of COVID-19 and beyond (Social Protection Spotlight). Geneva, International Labour Office.

ISSA. 2020a. COVID-19: Protecting vulnerable groups through emergency benefits (COVID-19 Monitor – News and analysis). Geneva, International Social Security Association.

ISSA. 2020b. COVID-19 social security emergency programmes: Experiences from the Americas (COVID-19 Monitor – News and analysis). Geneva, International Social Security Association.

ISSA. 2020c. Keeping the promise amidst adversity: Institutional processes and human resources during COVID-19 (COVID-19 Monitor – News and analysis). Geneva, International Social Security Association.

ISSA. 2020d. Meeting the employment challenges of the second wave of COVID-19: The case of Europe (COVID-19 Monitor – News and analysis). Geneva, International Social Security Association.

ISSA. 2021a. COVID-19 and social security contributions: Evolution in Europe (COVID-19 Monitor – News and analysis). Geneva, International Social Security Association.

ISSA. 2021b. Social security in the human-and-digital age: Some key insights (COVID-19 Monitor – News and analysis). Geneva, International Social Security Association.